NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo
05
Mon, Dec

Fluminimaggiore. Il paese ha festeggiato il patrono Sant’Antonio

S.I. Oggi
Aspetto
Condividi

La comunità fluminese ha festeggiato il patrono Sant’Antonio da Padova. Quattro giorni ricchi di celebrazioni religiose, appuntamenti sportivi, spettacoli musicali e di cabaret, che a differenza degli anni passati, si sono svolti a giorni alterni sia nel piazzale della chiesa parrocchiale sia in quello della scuola elementare. Una decisione quella di alternare le giornate di festa nelle due piazze, che è stata presa dagli organizzatori per far fronte ai problemi relativi alla sicurezza pubblica ma che non ha compromesso minimamente l’esito della festa. Anche quest’anno, infatti, numerosi sono stati i fedeli che non sono voluti mancare alla ricorrenza e nel rispetto dell’antico detto che “unu fluminesu ca no do iei a Santu Antoi o è mottu o in presoi”, ha visto la partecipazione di tantissimi emigrati, tornati dalla Penisola nel proprio paese d’origine per festeggiare Sant’Antonio da Padova. Grande emozione ha suscitato la solenne processione per le vie del paese il 13 giugno, nel giorno dedicato al Patrono, col simulacro del santo sul carro trainato dai buoi, che ha percorso un itinerario più lungo rispetto al passato e che ha attraversato questa volta anche i rioni più periferici dell’abitato fluminese. Sant’Antonio da Padova è stato onorato in processione dai cavalieri locali in costume, dalla banda musicale Santa Cecilia, dai gruppi folk Flumini Major, Santa Anastasia di Sardara, Fluminimaggiore, Is Traccas, dai gruppi musici Villa Ecclesiae e Quartiere Fontana di Iglesias. Una processione, che si è conclusa poi nel sagrato della chiesa con il saluto dei cavalieri e alla quale è seguita la Santa Messa. I festeggiamenti si sono conclusi poi la sera con il consueto spettacolo pirotecnico e il cabaret in compagnia del duo Cossu e Zara. Lunedì 20 giugno, si sono svolte la processione dell’ottava e la successiva messa. Le celebrazioni religiose dell’ottava sono state animate quest’anno dal Coro polifonico “Sid Addir Babay” di Fluminimaggiore, diretto dal maestro Massimo Atzori.
Federico Matta

Sulcis Iglesiente Oggi