NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo
11
Sun, Dec

Per anni docente di Fisica all’Università di Cagliari L’ultimo saluto Carlo Muntoni, uomo di scienza e fede

S.I. Oggi
Aspetto
Condividi


Martedì 28 giugno è venuto a mancare il professor Carlo Muntoni, originario di Iglesias e per molti anni professore ordinario di Fisica Generale del Dipartimento di Fisica e della Facoltà di Ingegneria dell’Università di Cagliari.
Carlo Muntoni è stato, per tanto tempo, una figura di grande rilievo all’interno dell’Ateneo cagliaritano ed un punto di riferimento per intere generazioni di studenti. Ha diretto il Centro di Calcolo dell’Università di Cagliari e negli anni ‘60 ha dato un importante contributo agli studi sulla Fisica della Materia e alle ricerche sulle proprietà ottiche dei semiconduttori, sulla termoluminescenza e sulle proprietà magnetiche e strutturali dei materiali.
Oltre che per la sua attività in campo scientifico e accademico, la sua vita è stata caratterizzata anche da un grande impegno nel sociale.
Il dottor Nuccio Guaita, amico personale del professor Muntoni, ne offre un ricordo che mette in luce l’importante attività, nel campo della formazione dei giovani e dell’impegno all’interno della società civile: “È stato tra i principali dirigenti dell’Azione Cattolica locale e diocesana formatisi negli anni del dopoguerra – ricorda commosso – Esemplare la sua dedizione agli impegni di apostolato cristiano, specialmente per la formazione educativa, spirituale e sportiva dei giovani e la partecipazione di servizio morale e politico dei cattolici nella Società. Vice presidente della GIAC diocesana, è stato anche Presidente del Comitato Zonale di Sviluppo del Sulcis Iglesiente per la Rinascita della Sardegna, succedendo al prof. Mario Carta”.
Un impegno che, malgrado fosse da anni residente a Cagliari, gli ha permesso di mantenere vivo l’attaccamento per le sue radici e per la sua città di origine. La professoressa Anna Maria Landis, per tanti anni preside dell’Istituto Minerario di Iglesias, nel suo ricordo sceglie di privilegiare il lato umano di Carlo Muntoni. “Abitavamo vicini e tra noi e le nostre famiglie vi era un legame di grande amicizia. Il padre del professor Muntoni – ha raccontato Anna Maria Landis – è stato vicino a mio padre nei giorni della malattia e io e Carlo siamo stati entrambi studenti del Liceo Scientifico. Lo ricordo come una persona positiva, con grandi valori e con una grande umanità. Una persona che oltre ad essere competente nel lavoro, stemperava ogni cosa con una ironia bonaria e con una grande autoironia. È stato un buon padre di famiglia, famiglia che ha sempre messo al di sopra di tutto, oltre ad essere sempre stato legatissimo alla sua città, malgrado il lavoro lo tenesse lontano. Negli ultimi anni era profondamente amareggiato per la crisi economica e sociale del nostro territorio e per l’inerzia della società civile, che non è riuscita a porre un freno al declino”.
Tutto l’Ateneo di Cagliari e le tante persone di Iglesias che lo hanno conosciuto gli hanno dato l’ultimo saluto giovedì 30 giugno nella chiesa cagliaritana di San Francesco, a testimonianza di un grande affetto e di una grande stima, sia come docente e come studioso che come persona di profonda fede e di grande impegno per il prossimo.

Jacopo Casula

Sulcis Iglesiente Oggi