NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo
05
Mon, Dec
56 Nuovi articoli

Matzaccara. Festa grande per la patrona Sant'Elena Imperatrice

Attualità Locale
Aspetto
Condividi

Matzaccara festeggia il 50° anniversario della elevazione canonica a parrocchia. I festeggiamenti hanno avuto inizio da mesi con la proclamazione dell'anno giubilare della parrocchia dedicata a sant'Elena Imperatrice. Il momenti più intensi per la comunità parrocchiale delle frazione di san Giovanni Suergio sarà in occasione della festa patronale. Si parte il 15 luglio con una Santa Messa presieduta dal Parroco Don Pietro Desogus con la celebrazione del ricordo della data effettiva nella quale la Chiesa di Matzaccara venne nominata Parrocchia a cui seguira l’inaugurazione di una mostra fotografica e di alcune suppellettili sacre della Parrocchia. Il 19 Luglio sarà il Vescovo Monsignor Giovanni Paolo Zedda a presiedere la Santa Eucarestia per commemorare i 50 anni di attività Parrocchiale. Durante la Santa Messa del mattino delle 10:30 il Vescovo amministrerà anche il Sacramento della Confermazione ai cresimandi della Parrocchia. Alla sera ci sarà una Processione straordinaria in onore di Sant'Elena Imperatrice accompagnata da diversi gruppi folk provenienti dal Sulcis e da altre parti della Sardegna. Dalle ore 15:00 sarà presente uno stand delle poste italiane che procederà all’annullo filatelico in commemorazione del cinquantennario parrocchiale. L’anno giubilare proseguirà ancora il suo cammino fino al 31 dicembre per incontrarsi e intrecciarsi con l’Anno Santo della Misericordia indetto dal Sommo Pontefice.< Saranno momenti intensi anche per tutti noi, collaboratori Parrocchiali- sottolinea Sandro Soddu, infaticabile coordinatore delle attività della parrocchia- fieri e contenti di aver riscoperto, insieme al nostro Parroco Don Pietro, la bellezza dell’essere uniti e del lavorare tutti insieme per costruire una chiesa di persone vive e per il bene comune. Siamo certi- conclude- che quest’anno ci ha dato la possibilità di mettere delle ottime basi per continuare il cammino intrapreso. E’ bello scoprire di essere utili l’uno all’altro e lavorare per il bene del prossimo, senza meriti, ma solo perché è giusto essere dei bravi operai nella Chiesa del Signore"

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Iscriviti!! E' Gratis

Iscriviti attraverso il nostro servizio di abbonamento gratuito di posta elettronica per ricevere le notifiche quando sono disponibili nuove informazioni.
Pubblicità