NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo
03
Sat, Dec
59 Nuovi articoli

Sant'Antioco. Per la festa patronale di Santa Maria Goretti ristampato un giornale di 50 anni fa.

Attualità Locale
Aspetto
Condividi

Un'edizione speciale del “Il dialogo”, il settimanale della parrocchia di Santa Maria Goretti a Sant'Antioco,  contenente la ristampa del numero unico “Campane a festa”, è stato distrubuito gratuitamente ai fedeli in occasione della festa patronale che si è svolta ieri 6 luglio. Pubblicato nel 1966 a cura di Dottor Luciano Ibba e di Giampaolo Piras,  rispettivamente direttore responsabile e redattore che hanno dato il benestare per la ristampa, racconta la consacrazione della nuova chiesa parrocchiale dedicata a Maria Goretti. Il vecchio giornale messo a diposizione da Rita Sabeddu, una parrocchiana che lo ha conservato per ricordo, ha dato la possibilità alla redazione di “il Dialogo” di poterlo riproporre con un altro numero unico per farne un omaggio ai fedeli della parrocchia in occasione della festa patronale di Santa Maria Goretti del sei luglio scorso che ha segnato anche il sessantesimo anniversario della fondazione della comunità parrocchiale. L'edizione speciale del giornalino parrocchiale, con una nuova copertina  a colori, ha voluto così ricordare, a distanza di sessant'anni, una pagina di fede, di volontà, voglia di fare e di carità cristiana di sacerdoti operosi che si intreccia con gli ultimi sessant'anni della storia di Sant'Antioco. E' il sogno diventato realtà di costruire una nuova chiesa che inizia i primi passi subito dopo la guerra, in una Italia devastata e povera dove le periferie come a Sant'Antioco non facevano eccezione. Con la gente che riprendeva a vivere, a pregare e ripopolare la città si materializza il sogno di edificare un nuovo edifico sacro: è la chiesa della nuova parocchia dedicata a Santa Maria Goretti in una zona allora periferica del paese che però sta aumentando di abitanti che risiedono in nuove case private e popolari. Il numero unico  di “Campane a Festa” di cinquanta anni fa oltre narrare la storia della nascita della nuova parrocchia e del nuovo tempio racconta anche le speranze di una comunità che dai focolari delle abitazioni si sono concretizzate in nuove opportunità di aggregazione sociale, nello sport e nella cultura di cui Sant'Antioco è fucina. Racconta dei tanti beneffattori che si sono spesi affinchè il sogno di Don Antonio Mereu, il primo parroco dell'allora neonata parrocchia, potesse concretizzasi come poi è avvenuto. E il nome di Don Antonio Mereu è destinato a durare nel tempo nel ricordo degli antiochensi. Un comitato spontaneo ha già raccolto oltre 500 firme per una petizione che chiede al sindaco di dedicare lo spazio davanti alla chiesa di Santa Maria Goretti col nome di “Sagrato don Antonio Mereu”.

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Iscriviti!! E' Gratis

Iscriviti attraverso il nostro servizio di abbonamento gratuito di posta elettronica per ricevere le notifiche quando sono disponibili nuove informazioni.
Pubblicità