NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo
06
Tue, Dec
56 Nuovi articoli

Carbonia. Sabato: Festa della Liberazione. Tutti gli appuntamenti

Attualità Locale
Aspetto
Condividi

Documento del Sindaco Casti. “La ricerca storica deve continuamente svilupparsi ma senza pericolose equiparazioni fra i due campi in conflitto nella lotta di Liberazione nazionale dal nazifascismo". Queste le parole usate dal Presidente della Repubblica Italiana Sergio Mattarella in vista del 70° Anniversario della Liberazione dalla dittatura fascista e dall’occupazione nazista, che sarà celebrato il 25 aprile. Riprendendo le parole del Presidente della Repubblica possiamo ribadire che “la Resistenza, prima che fatto politico, fu soprattutto rivolta morale e questo sentimento, tramandato di padre in figlio, costituisce un patrimonio che deve permanere nella memoria collettiva del nostro Paese". La Liberazione dal nazifascismo è l'evento centrale della nostra storia e tutti noi, così come è stato per i Padri della Costituzione italiana, dobbiamo ricordare il forte legame tra la riconquista della libertà, realizzata con il sacrificio di tanti giovani dopo un ventennio di dittatura, e la nuova democrazia. La Costituzione, nata dalla Resistenza, ha rappresentato e rappresenta il capovolgimento della concezione autoritaria, anti liberale, esaltatrice della guerra, imperialista e razzista che il fascismo aveva imposto in Italia, soffocando e reprimendo nel sangue le voci dell’opposizione.

Oggi, come ieri e come domani, nessuno può dimenticare il sacrificio e l’impegno di tutti i Partigiani, gli Antifascisti e coloro che hanno dato la vita per la nostra libertà. Giovani, donne e uomini, spesso legati da una amicizia profonda, da un‘idea politica o dal desiderio di costruire una società libera e giusta, che per questo sono stati perseguitati, torturati e uccisi. Grazie al loro sacrificio è nata la nostra Democrazia.

Partendo da queste certezze, per celebrare il 70° Anniversario della Liberazione dalla dittatura fascista e dall’occupazione nazista, in ricordo di tutti coloro che contribuirono a farci nascere come donne e uomini liberi, sabato 25 aprile 2015, alle ore 10, sarà deposta una corona d’alloro al lato dell’ingresso del Palazzo Comunale in piazza Roma. La corona sarà collocata sotto la targa dedicata ai caduti per la Liberazione dell’Italia: “Uomini liberi che si adunarono per dignità, non per odio, decisi a riscattare la vergogna e il terrore del mondo”, come ha scritto l’antifascista Piero Calamandrei.

L’Amministrazione comunale di Carbonia invita tutti i cittadini, le associazioni, le organizzazioni sindacali, politiche e culturali a partecipare alla manifestazione per ricordare una delle pagine più importanti della nostra storia, affinché l’Italia non debba mai più conoscere l’orrore di una dittatura.

Inaugurazione Mostra “Enigma metafisico – Carbonia abbacinante”

Sarà inaugurata sabato 25 aprile, alle18.30, presso il Museo PaleoAmbientiSulcitani (PAS) “E.Martel”, nella Grande Miniera di Serbariu la mostra “Enigma metafisico – Carbonia abbacinante” di GiòTanchis (nome d’arte di Walter Marchionni).
L’evento è realizzato con il patrocinio del Comune di Carbonia, della Presidenza della Regione Autonoma della Sardegna, della Fondazione Banco di Sardegna, della Fondazione estetica e progresso, del Museo Magmma di Villacidro e dell’Archivio Lazzaro di Milano.

L’esposizione propone venti opere di grande e medio formato realizzate da GiòTanchis tra il 2014 e i primi mesi del 2015, I lavori sono ispirati dalla Città di Carbonia che, come scrive l’autore stesso, “mi viene in mente come dei frame mnemonici sintetizzati in elementi nitidi, con geometrie metafisiche e colori futuristici”. Una Carbonia, quella ripercorsa dall’artista, “più che mai metafisica che si caratterizza per la presenza folgorante della luce che traccia i limiti fisici delle strutture e degli spazi”.

I blu profondi e i bianchi “abbacinanti” tracciano linee geometriche alla ricerca di prospettive infinite di che ricordano le Opere di de Chirico. Colori piatti e pieni, privi di sfumature confermano lo stile di Tanchis, già visto nelle tele futuriste/espressioniste che rappresentano tori e cavalli, per niente abbandonati in questa kermesse di Carbonia, ma che anzi, “riappaiono nella loro completezza ad intarsiarsi tra le linee urbanistiche come forme incombenti della nostra quotidianità”. All’inaugurazione interverrà l’Assessore alla Cultura del Comune di Carbonia, Loriana Pitzalis. Sarà presente l’artista.
L’esposizione resterà aperta sino al 31 maggio, dal martedì alla domenica, dalle 10 alle 14 e dalle 15 alle 19.
L’Artista Walter Marchionni, nasce a Villacidro nel 1963 ed esordisce nel mondo dell’arte, con il nome di “GiòTanchis”, con alcune esposizioni nel 2005. Il periodo precedente a questa data è segnato da un forte coinvolgimento nel mondo dell’arte con l’attività di curatore e organizzatore di mostre in collaborazione con le più importanti istituzione della Sardegna. In questi anni crea la prima organizzazione di promozione dell’arte in Sardegna.
Nel 2007 “GiòTanchis” raggiunge una discreta notorietà con alcune esposizioni in Costa Smeralda, a Porto Rotondo e Porto Cervo. Nell’ottobre dello stesso anno, nelle Sale del Comune di Sanluri, è invitato da Vicente Urbina Sassu, responsabile dell’archivio Sassu, ad esporre le proprie opere insieme ad alcune incisioni del Maestro Sassu. Nel gennaio del 2008 è allestita la sua prima personale nel Centro Culturale d’Arte “ Exmà” del Comune di Cagliari. Nel mese di maggio sempre del 2008 presenta la grande mostra “Spagna-Sardegna Viaggio pittorico” con il patrocinio dell’Ufficio Culturale dell’Ambasciata di Spagna in Italia, allestita nella Galleria Lazzaro by Corsi di Milano al Broletto. In contemporanea viene allestita, con il Patrocinio del Comune di Sassari, la mostra “Magma, nero … basalto” nel Palazzo Ducale di Sassari.
Nell’aprile del 2009, Marchionni dedica una mostra a Villacidro con l’esposizione “Io. Villacidro. I miei colori” esponendo per la prima volta alcune tele con la figura umana; atleti variopinti simboleggianti uno spirito di libertà che svilupperà successivamente con la mostra al Lazzaretto di Cagliari. Nel 2009, la rivista ufficiale del SUMMIT G8, editore Prestige Media USA, in occasione dell’appuntamento italiano a L’Aquila, lo inserisce con un pubbliredazionale, quale rappresentante dell’arte italiana figurativa.
Nell’aprile del 2010 viene invitato dal Comune di Cagliari nella Sala principale del Centro d’Arte e Cultura “Il Lazzaretto” dove allestisce la mostra “Spirito Indomito”, improntata prevalentemente sulle figure del toro e del cavallo. Il 3 novembre 2012 allestisce la mostra “Spirito Indomito” nelle Sale del Palazzo del Collegio Raffaello ad Urbino, con il Patrocinio del Comune di Urbino, del Legato Albani e della Regione Sardegna. Il 29 marzo del 2014 viene allestita una sua mostra personale al Museo “Ca La Ghironda” di Zola Predosa Bologna, presentata e curata dal Professor Martani.

Inaugurazione Mostra “forme colori percezioni”

Sarà inaugurata sabato 25 aprile, intorno alle 18.30, presso la saletta del Portico adiacente il Teatro Centrale, in piazza Roma, la mostra di pittura e fotografia “Forme Colori Percezioni”, dei giovani artisti Corrado Maccioccu e Giuseppe Tuveri.

La mostra, organizzata in collaborazione con l’Assessorato alla Cultura del Comune di Carbonia, sarà visitabile tutti i giorni sino al 30 aprile dalle 10 alle 13, dalle 16 alle 20 e dalle 22 alle 24.

Corrado Macciocu e Giuseppe Tuveri presenteranno lavori inediti che hanno come filo conduttore l’educazione visiva. La mostra ha come obiettivo dimostrare che cosa, con forme e colori, è trasmissibile nella percezione visiva, mentale ed espressiva di ognuno di noi. I lavori saranno commentati e raccontati, con l’intento di stimolare uno scambio di opinioni tra artisti e visitatori. La discussione sarà interattiva e costruttiva, con la finalità di far comprendere che l’arte è in grado di cambiare le persone.

Gli orari scelti, in particolar modo quello che va dalle 22 alle 24, vogliono essere un particolare invito per i giovani, affinché vedano nell’arte anche un momento di incontro e di confronto.

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Iscriviti!! E' Gratis

Iscriviti attraverso il nostro servizio di abbonamento gratuito di posta elettronica per ricevere le notifiche quando sono disponibili nuove informazioni.
Pubblicità