NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo
04
Sun, Dec
59 Nuovi articoli

IL DITO NELL'OCCHIO di Giovanni di Pasquale. Riina in tivù, il divieto "a prescindere"

Ritagli
Aspetto
Condividi

Torniamo indietro di qualche anno. Al 2014, mese di ottobre. Massimo Ciancimino, figlio di un politico mafioso ( di un mafioso politico, de gustibus) viene ospitato alla trasmissione “Servizio Pubblico”, condotta da Michele Santoro. Dice che ha deciso di collaborare con la giustizia e di raccontare i particolari della trattativa Stato-mafia successiva alle stragi di Capaci e di via D’Amelio a Palermo. Di che cosa egli pensi di parlare, gli spettatori non sanno niente. A conti fatti, le sue rivelazioni ad oggi non hanno portato a niente e, per altro verso, la sua figura di “pentito” risulta attualmente alquanto appannata da ambiguità e reticenze. Nessuno, durante la trasmissione, gli chiede se pensi che suo padre fosse un criminale, un mostro, una feccia: le polemiche sulla sua partecipazione concernono unicamente sulla sua credibilità.
Ieri, invece, la decisione di Bruno Vespa di intervistare a “Porta a Porta”, il figlio di Totò Riina ha scatenato una serie di proteste e insulti all’indirizzo del conduttore. Rimostranze “a prescindere”: ovvero, il figlio di Riina – e di Bagarella, perché la mamma dell’intervistato è sorella di quell’altro stinco di santo di Leoluca Bagarella – in tivù, soprattutto alla RAI, non ci avrebbe dovuto mettere neppure il piede.
I moralizzatori – interni ed esterni – della professione giornalistica, quando avranno finito di ululare, spero che sappiano rispondere a questa sola domanda: che differenza c’è fra il tête a tête fra Santoro e Ciancimino e quello fra Vespa e Riina? Forse che l’intervista del primo fu giornalisticamente più efficace di quella del secondo? Può darsi: vidi la prima, non ho visto la seconda (non ho mai visto una puntata intera di “Porta a Porta”), sono portato a pensare di sì, che Michele sia stato più bravo di Bruno.
Il problema è che ieri e ieri l’altro le polemiche sono montate, nei confronti di Vespa, per il solo motivo che avesse pensato di invitare Riina jr. alla sua trasmissione e sono state espresse dalle stesse persone che, nell’ottobre del 2014, ululavano che Santoro avesse tutto il diritto di intervistare Ciancimino jr. “a prescindere”. Si può difendere la libertà di stampa a seconda di chi impersona il diritto? No.
Intervistare il figlio di uno dei personaggi chiave della fine del Novecento italiano, quando ve ne sia la possibilità, è un dovere. Un giornalista che antepone la morale al dovere di raccontare, è meglio che cambi mestiere.
Che poi l’intervista di Bruno Vespa al figliolo di ’U Curtu fosse, giornalisticamente parlando, una ciofeca, è tutt’un altro paio di maniche"

Giovanni Di Pasquale

(foto Uff. stampa rai)

Iscriviti!! E' Gratis

Iscriviti attraverso il nostro servizio di abbonamento gratuito di posta elettronica per ricevere le notifiche quando sono disponibili nuove informazioni.
Pubblicità