NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo
03
Sat, Dec
62 Nuovi articoli

C’era una volta la società rurale

Ritagli
Aspetto
Condividi

In una luminosa giornata di giugno, a Donori in località “Sa Defenza” uomini, donne e bambini riuniti in un’aia, hanno rivissuto uno spaccato di vita agreste. Ciò che un tempo era usuale, oggi è eccezionale e desta stupore.
Di buon mattino, sabato 18 giugno,  con “sa fraci”, “is messaius” hanno tagliato il grano maturo. Successivamente le spighe mietute sono state caricate sui carri e ammonticchiate in “s’argioa” accuratamente pulita ed estirpata dalle erbacce. Poco dopo gli animali della fattoria cavalli, asini, buoi, pestando sul grano liberano i chicchi dalla pula, mentre i lavoranti rivoltano con un forcone le spighe ammucchiate.
Sinteticamente i fatti. Altra cosa le emozioni.
Lasciando la strada conosciuta, quella battuta dai veicoli, percorriamo una strada sterrata, alberata. All’improvviso la percezione è quella di essere sbalzati in un altro tempo. Lentezza, colori vividi, note musicali, aliti di vento, frusciare di abiti. Tra il rosa, il verde e l’azzurro del paesaggio, la miriade di tonalità degli abiti sardi, impallidisce l’estro del paesaggio naturale. Movimenti severi ed eleganti, pose composte. Capannelli di persone parlano, ballano, suonano, guardano.  Tutto è nuovo. Tutto è arcaico.
La mescolanza di tempi è sconcertante. Ammirando il quadro l’impressione è quella di già vissuto. In un solo momento tutti i sensi sono coinvolti. Improvvisamente un insieme di ricordi, anticipazioni, nostalgie. L’odore acre delle bestie, l’aroma del cibo, i suoni degli strumenti musicali, dei campanacci, il tepore del sole e il soffio fresco del vento. Tutto si fonde e confonde ancora di più. La sensazione è quella di rammentare una vita e tante vite passate: semplice, genuina, concreta. Il lavoro nelle campagne, il calendario uniformato con le attività agrarie. Attimi in cui la fatica veniva alleggerita con canti e balli. L’ospitalità al forestiero come fondamentale dimostrazione di generosità e  splendore.  
Lontani dai rumori di quella che chiamiamo società moderna, la pace è assoluta. Solo rumori silvani e umani. I colori del cielo tra il pomeriggio e la notte, qualcosa di ancestrale che si impadronisce di tutto lo scenario e uomini e donne vivono la loro vera essenza. Mani che stringono mani. Piedi che si muovono. Ballu in tundu che coinvolge sentimenti che nel movimento prendono e danno forma ad amicizie, amori, legami. I colori, i suoni nel vortice si mescolano e si armonizzano. Al culmine di tutte le emozioni, carichi dell’energia che nutre e rigenera si riprende la via. Viandanti per tradizione, visitatori di epoche lontane. Il viale alberato riporta alla realtà e la strada maestra prepara allo sbalzo temporale. Sulla via del ritorno si riprende la consuetudine. Noi, testimoni del tempo nella Sardegna di oggi a desiderare l’Isola di ieri.
Grazie Donori per l’accoglienza e il rigenerante tuffo nel bel tempo passato. Atrus annus e…
Saludi e trigu!

 C. Serra - (foto di Antonio Curcio)

 

Iscriviti!! E' Gratis

Iscriviti attraverso il nostro servizio di abbonamento gratuito di posta elettronica per ricevere le notifiche quando sono disponibili nuove informazioni.
Pubblicità