NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo
26
Thu, Nov
91 Nuovi articoli

Siliqua. Recuperata dai forestali la carcassa di un falco pescatore

Cronaca Locale
Aspetto
Condividi

Su segnalazione di un cittadino, il personale della Stazione forestale di Siliqua, nei giorni scorsi ha recuperato, nei pressi del Castello di Acquafredda (Siliqua), la carcassa di un falco pescatore (Pandion haliaetus).
Il rapace, con tutta probabilità, ha impattato durante il volo sui cavi di una linea elettrica di media tensione ed è morto folgorato; i resti, infatti, sono stati recuperati ai piedi di un palo di linea.
L’animale presentava in entrambe le zampe un inanellamento applicato da un Istituto faunistico della Germania. I dati identificativi contenuti negli anelli, una volta trasmessi all’Istituto superiore per la protezione e la ricerca ambientale (ISPRA) di Ozzano (BO), hanno permesso di accertare che il falco proveniva da un’isola a Nord-Est della Germania e, diretto in Africa, aveva già percorso 1.700 Km.
Nell’ultimo anno, purtroppo, si sta registrando un elevato numero di folgorazioni da impatto di esemplari di avifauna, anche protetti.
Il Corpo forestale è impegnato a curare una mappatura dei punti di folgorazione, in cui viene evidenziata anche la tipologia degli impianti elettrici più interessati da questi eventi, per fornire ai soggetti competenti ogni elemento utile a prevenire e ridurre il fenomeno.

foto della pagina del corpo forestale

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna