NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo
02
Fri, Dec
67 Nuovi articoli

Iglesias. Sit-In maestranze Eurallumina nella sede del settore Ambiente dell'ex provincia di Carbonia-Iglesias

Cronaca Locale
Aspetto
Condividi

Prosegue la mobilitazione degli operai dell'Eurallumina di Portovesme che chiedono tempi certi e rapidi per l'iter autorizzativo utile per la ripresa produttiva dello stabilimento. Dopo il sit-in di ieri davanti all'assessorato regionale dell'Ambiente a Cagliari, per sollecitare il Savi a portare a termine gli impegni, questa mattina le maestranze Eurallumina hanno effettuato un presidio a Iglesias davanti alla sede del settore Ambiente della provincia di Carbonia-Iglesias. “La mobilitazione non si fermerà qui”, hanno annunciato gli operai e già l'8 settembre in occasione di un incontro tecnico a Cagliari gli operai ritorneranno in piazza. La Rsu ha reso sulla manifestazione ha reso noto un documento. “Ha lo scopo di ribadire quanto già espresso nella precedente iniziativa svolta il 28 luglio 2015 presso la sede dell’assessorato regionale all’ambiente e ribadita ieri 1 settembre alla ripresa dell’attivita” del servizio savi con analoga iniziativa, si legge, la forte preoccupazione delle lavoratrici e lavoratori eurallumina per i ritardi accumulati nel percorso autorizzativo e la determinazione nel richiedere che non se ne accumulino altri “. Questa mattina la Rsu ha incontrato l’ amministratore straordinario della ex provincia carbonia iglesias: l'ingegner Giorgio Sanna e i dirigenti del settore ambiente Palmiro Putzulu , Francesca Tolu , e Vittorio Uras. “Hanno confermato l‘impegno nel rispetto delle procedure e delle norme , continua il documento, a non accumulare ritardi nell’espletamento dell‘iter autorizzativo di loro competenza” . Il piano industriale e gli accordi istituzionali sottoscritti a tutti i livelli prevedono, per la ripresa produttiva del primo anello della filiera dell’alluminio investimenti per 185 milioni di euro, l’impiego di oltre 200 addetti degli appalti per la realizzazione degli impianti e 357 lavoratori diretti ( molti dei quali saranno nuovi assunti) oltre agli addetti ai servizi ( mensa, trasporti ), ai fornitori, all’indotto in generale. Progetto che, per il moltiplicatore socio-economico che viene utilizzato, arriva ad avere una valenza di 1000 posti di lavoro. Tutto questo nel pieno rispetto degli organi autorizzativi quali il “ Savi regionale e il settore ambiente della ex provincia Carbonia Iglesias “, sulla loro competenza e imparzialità di giudizio, come abbiamo sempre fatto in questi difficili anni di lotta per rivendicare il diritto fondamentale quale e’ il “ lavoro “ , certi che si possano coniugare nel rispetto delle leggi e delle regole ( essendo i primi a pretenderlo) ”ambiente - salute – lavoro “ , al fine di scongiurare che i ritardi possano pregiudicare un cosi importante progetto industriale , per l’ enorme valenza socio –economica , oltre che migliorativa rispetto alla fase pre fermata , dal punto di vista tecnico e ambientale. i lavoratori e le lavoratrici Eurallumina , senza voler esercitare nessuna pressione, saranno presenti in tutta la fase autorizzativa per monitorare che l’iter specifico , conclude il documento sindacale, seguendo il suo corso normativo non subisca ulteriori ritardi e che gli impegni riguardo alla tempistica indicati dall’assessore all’ambiente siano rispettati”.

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Iscriviti!! E' Gratis

Iscriviti attraverso il nostro servizio di abbonamento gratuito di posta elettronica per ricevere le notifiche quando sono disponibili nuove informazioni.
Pubblicità