NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo
07
Wed, Dec
67 Nuovi articoli

Sant'Antioco. Spacciavano nelle scuole cittadine e Calasetta. Due giovani denunciati a piede libero

Cronaca Locale
Aspetto
Condividi

Una indagine, durata quasi due anni, ha portato alla denuncia a piede libero da parte dei carabinieri di Sant'Antioco di due persone con l'accusa di spaccio e detenzione di sostanze stupefacenti. Le indagini sono state avviate, a seguito delle segnalazioni di numerosi genitori e della dirigenza dell’istituto scolastico comprensivo Sant’Antioco – Calasetta, sin dal marzo 2013 e nel corso dello scorso anno scolastico, in collaborazione con l’Autorità Giudiziaria ordinaria e per i minorenni. Una mirata ed approfondita attività investigativa ha così consentito di riscontrare l’effettiva esistenza di tale fenomeno, il quale è stato prontamente affrontato con controlli, servizi di osservazione. Indagine che si è conclusa nei giorni scorsi con alcune perquisizioni domiciliari che hanno portato alla denuncia s piede libero per detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti di due maggiorenni, minorenni al momento dell’inizio delle indagini. Di tratta, il primo, A.G., di 20 anni, residente a Calasetta, celibe, disoccupato, con precedenti specifici, che nel corso della perquisizione nella sua abitazione ha consegnato spontaneamente ai militari 13,76 grammi di hashish, due bilancini di precisione e un coltello a serramanico. Il secondo giovane denunciato è P.R., di 20 anni, di Sant’Antioco, celibe, disoccupato, gravato da pregresse vicissitudini giudiziarie, al quale sono stati sequestrati 12,78 grammi di marijuana, 10,62 grammi di hashish, un coltello a serramanico e 340 euro. Situazione questa , a dimostrare come la loro attività di piccolo spaccio, rivolto soprattutto verso i giovani adolescenti e studenti, fosse ancora attiva. Nel corso dell’attività di indagine effettuata dai carabinieri sono emerse situazioni e comportamenti sia di ragazzi maggiorenni che minorenni, alcuni di questi plagiati dai ragazzi più grandi. Ma l'attività dei carabinieri non si fermerà a questa indagine. Infatti hanno assicurato i responsabili dell'arma che l’attività, soprattutto preventiva, proseguirà ancora, con mirati servizi nei pressi delle scuole e nei luoghi di abituale ritrovo dei giovani al fine di porre ogni forma di tutela ai minori e garantire loro una crescita sana e serena. Inoltre il comando generale dell’arma dei carabinieri, proprio per far conoscere tutti i problemi che derivano dall’uso di sostanze stupefacenti, farà effettuare da parte di militari specializzati nel settore delle conferenze nelle scuole di ogni ordine e grado.

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Iscriviti!! E' Gratis

Iscriviti attraverso il nostro servizio di abbonamento gratuito di posta elettronica per ricevere le notifiche quando sono disponibili nuove informazioni.
Pubblicità