NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo
04
Sun, Dec
59 Nuovi articoli

Sant'Antioco. Tar conferma regolarità appalto nuovo depuratore. I lavori possono iniziare

Cronaca Locale
Aspetto
Condividi

“Il ricorso è infondato e deve essere rigettato”. Con queste motivazioni il Tribunale amministrativo regionale ha bocciato il ricorso della seconda classificata all’aggiudicazione del maxi-appalto da sei milioni di euro per il nuovo depuratore di Sant’Antioco: un’opera attesa da oltre vent’anni per la quale Abbanoa aveva reperito i finanziamenti, predisposto la progettazione e bandito la gara. Lo scorso gennaio si era arrivati finalmente all’assegnazione dei lavori. Purtroppo il ricorso al Tar ha tenuto bloccato l’iter per otto mesi. Ora dai giudici amministrativi arriva la conferma della correttezza dell’aggiudicazione e l’appalto può andare avanti, salvo ulteriori contenziosi. Il ricorso. Le contestazioni della ditta esclusa riguardavano l’assegnazione dei punteggi. La gara, infatti, non era basata sul massimo ribasso, ma sull’offerta economicamente più vantaggiosa che garantisce una migliore qualità del progetto scelto perché, oltre al prezzo proposto, valuta anche i tempi di realizzazione e il valore tecnico, funzionale e ambientale dell’opera da realizzare. Ad aggiudicarsi l’appalto col miglior punteggio era stata lo scorso gennaio l’impresa Idrotecnica. La seconda classificata aveva presentato ricorso al Tar contestando le decisioni della commissione aggiudicatrice. Ieri è arrivata la sentenza che conferma la graduatoria e quindi l’assegnazione della gara. Opera strategica. Via libera, quindi, all’intervento. Il nuovo impianto, che sorgerà a fianco del vecchio, avrà tutte le sezioni di trattamento necessarie alla completa depurazione nel pieno rispetto delle normative vigenti. Sarà dimensionato e articolato in maniera tale da poter trattare sia le portate invernali sia le ben più consistenti portate estive. Il vecchio depuratore, infatti, è ormai inadeguato e sottodimensionato. Le acque adeguatamente depurate saranno riversate in mare con una condotta sottomarina che avrà il punto di scarico a largo della costa e non a pochi metri dalla battigia, com’è l’attuale. I tempi. Tra la realizzazione delle opere e l’avviamento dell’impianto sono previsti circa due anni per la piena operatività del nuovo depuratore. L’appalto di circa 6 milioni per la realizzazione del nuovo impianto di Sant’Antioco, rientrava tra gli interventi finanziati con i fondi Cipe 60/2012: 50 milioni per 14 opere infrastrutturali importantissime per la Sardegna sul fronte del fognario-depurativo.

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Iscriviti!! E' Gratis

Iscriviti attraverso il nostro servizio di abbonamento gratuito di posta elettronica per ricevere le notifiche quando sono disponibili nuove informazioni.
Pubblicità