NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo
02
Fri, Dec
67 Nuovi articoli

Sant'Antioco. Incidente sulla 126: una statale pericolosa

Cronaca Locale
Aspetto
Condividi

Si svolgeranno questa sera alle 16 nella chiesa di Rosmarino a Carbonia i funerali di Carlo Deidda il motociclista ceceduto martedì Mattina nel tragico incidente stradale avvenuto sulla statale 126 a qualche chilometro da Sant'Antioco. Ancora una volta l'imputato principale rimane la Statale che da Iglesias conduce a Sant'Antioco. Una strada segnata da numerose croci che ne fanno un'arteria tra le più pericolose. Il tratto più a rischio incidente rimane il tratto Carbonia Sant'Antioco dove gli scontri spesso mortali non si contano più. Una strada che se pur con qualche miglioramento apportato, come la realizzazione di rotonde che rendono più fluida la circolazione e più accettabili i tempi di percorrenza, rimane una strada di serie B con carreggiate strette ed ingressi laterali a rischio. Con l'arrivo della stagione estiva poi, per il traffico che vi si sviluppa ogni giorno verso le spiagge, ne fanno una strada tra le più frequentate ma anche con maggiore pericolosità. In questi ultimi anni sono stati previsti diversi investimenti per il miglioramento del traffico nel territorio poi convogliati nel “Piano Sulcis” di prossima attuazione. Tra i progetti da realizzare uno riguarda proprio la statale 126. Si tratta del superamento in altezza del vecchio ponte di accesso a Sant'Antioco e la realizzazione di una circonvallazione per convogliare il traffico verso Calasetta. Un progetto di oltre 52 milioni di euro, in avanzato stato di progettazione, che sta provocando molte critiche e opposizioni da parte di cittadini e forze politiche. Molti infatti giudicano non rispondente alle necessità della cittadina lagunare la realizzazione di un nuovo ponte e una circonvallazione, che farebbe solo ad allungare i tempi di ingresso ed uscita da Sant'Antioco, invece che pensare di utilizzare i danari a disposizione per rendere più sicura l'intera  statale 126 a beneficio di tutto il territorio.

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Iscriviti!! E' Gratis

Iscriviti attraverso il nostro servizio di abbonamento gratuito di posta elettronica per ricevere le notifiche quando sono disponibili nuove informazioni.
Pubblicità