NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo
09
Fri, Dec
63 Nuovi articoli

Sant'Antioco. Tragico scontro sulla 126. Un morto e un ferito grave

Cronaca Locale
Aspetto
Condividi

La statale 126, tra Carbonia e Sant'Antioco ancora una volta insanguinata da un incidente stradale. L'ennesimo incidente mortale si è verificato ieri mattina a pochi chilometri da Sant'Antioco. L'incidente è avvenuto a qualche chilometro dalla città lagunare, sul rettilineo a fianco dell'incompleta pista ciclabile lato saline. Erano appena trascorse le nove del mattino quando una Ford C-Max focus, condotta da Amelio Cara, pensionato di 70 anni residente a Sant’Antioco, che viaggiava in direzione Carbonia, mentre era nella fase di rientro nella propria corsia di marcia al termine di un sorpasso, si è scontrata frontalmente per cause in via di accertamento da parte delle forze dell'ordine con una moto Honda di grossa cilindrata che procedeva in direzione opposta. Alla guida della grossa moto Carlo Deidda, 60 anni di Carbonia operaio. Sul sedile posteriore sedeva Annalisa Pinna, una infermiera che lavora alla Asl 7 di 54 anni, anch'essa residente a Carbonia. Il bilancio dello scontro frontale è stato tragico. Il conducente della moto è morto sul colpo. In gravi condizioni la donna che viaggiava con lui che ha subito gravi lesioni interne ed alla gamba sinistra ed è stata trasportata al pronto soccorso dell'ospedale Sirai di Carbonia da un'ambulanza del 118. E' in prognosi riservata ma dalle ultime notizia sembra che fortunatamente possa salvarsi. Il conducente della Ford Focus che stava accompagnando la moglie a Cagliari per delle terapie mediche a seguito di un operazione chirurgica, è rimasto lievemente ferito al braccio sinistro. Sottoposto ad esame alcolimetrico da parte del personale del nucleo radiomobile, è risultato chiaramente negativo. <Stavo sorpassando un'ambulanza che stava procedendo lentamente- racconta Amelio Cara – ho visto la moto ma era molto lontana Poi me la sono trovata davanti>. Per ore Amelio Cara è rimasto seduto sotto shock, insieme alla moglie che stava accompagnando in ospedale a Cagliari e ai familiari che sono giunti subito da Sant'Antioco appena saputa la notizia, sul muretto che delimita la pista ciclabile dalla cunetta. Sul lato opposto della carreggiata, tra gli oleandri in fiore che delimitano la strada dalla laguna, un lezuolo bianco che pietosamente nascondeva il corpo ormai senza vita di Carlo Deidda. Poco più avanti la moto accartocciata e inerte con cui i due motociclisti stavano andando a trascorrere una giornata di mare in una spiaggia sotto il sole d'estate dell'isola di Sant'Antioco che invece per Carlo Deidda si è improvvisamente spento alle nove del mattino. Carlo Deidda era molto conosciuto non solo a Carbonia ma anche a Calasetta, dove anni fa ha gestito il locale “Spinnaker”, e in tanti hanno espresso un pensiero ricordandolo su facebook. Sul posto dell'incidente sono intervenuti i carabinieri di Sant’Antioco, Calasetta ed un equipaggio del nucleo radiomobile di Carbonia che hanno eseguito i rilevi di rito per ricostruire la dinamica dello schianto ed accertare le eventuali responsabilità. Sul posto anche le ambulanze del 118 della Solki Soccorso e dell'ambulanza medicalizzata dell'Ospedale Sirai. Gli operai dell'Anas sono invece intervenuti a rimettere in sicurezza la carreggiata cosparsa di pezzi di plastica della moto. Il traffico è rimasto bloccato e una lunga fila di auto ha dovuto attendere per alcune ore il via libera dei carabinieri che è stato dato solo al termine dei rilievi. Al termine delle operazioni di indagine gli automezzi coinvolti nel targisco scontro sono stati posti sotto sequestro. L'Autorità Giudiziaria informata dai carabinieri di Sant’Antioco sulle risultanze del medico legale, che ha accertato il decesso, ha disposto la restituzione della salma ai familiari per procedere alle esequie che si svolgeranno giovedì.

Tito Siddi - scritto per l'Unione Sarda in edicola oggi

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna