NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo
03
Sat, Dec
62 Nuovi articoli

Sant'Antioco. Tribunale sentenzia il non luogo a procedere per il processo Gianni Crastus ex presidente dell'Autogestita

Cronaca Locale
Aspetto
Condividi

Dopo anni di amarezze si chiude la vicenda giudiziaria che ha visto l'ex presidente dell'Autogestita di Sant'Antioco Gianni Crastus e il suo Comitato di gestione accusato di truffa e associazione a delinquere. L'indagine era partita da una querela di alcuni soci che accusavano il presidente e il Comitato di Gestione di aver sottratto fondi all'Associazione e di avere utilizzato soldi pubblici per spese peronali. La Procura dopo due anni di indagini, perquisizioni e sequestro di documentazioni non avendo accertato nulla di rilievo penale e amminsitrativo aveva chiesto l'archiviazione  del caso al Gip. La richiessta della procurà non andò a buon fine per l'opposizione di due soci che chiesero un supplemento di indagini. Adesso dopo otto mesi di studio delle carte presentate dalla Procura anche il tribunale ha ritenuto insussistenti la richiesta avanzata dai due soci e nei giorni ha deliberato la definitiva  l'archiviazione del caso per infondatezza della “Notitia criminis. Soddifazione da parte di Gianni Crastus, oggi presidente onorario dopo il rinnovo delle cariche sociali. “Dopo la sentenza del Tar anche il Tribunale ci da ragione. Adesso dobbiamo valutare se ci siano eventuali  rivalse penali e civili verso questi ex soci che con il loro operato hanno messo in cattiva luce l'associazione- dice Gianni Crastus- se oggi fossero ancora soci minimo ci sarebbe la proposta all'assemblea dei soci per la loro espulsione”.

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Iscriviti!! E' Gratis

Iscriviti attraverso il nostro servizio di abbonamento gratuito di posta elettronica per ricevere le notifiche quando sono disponibili nuove informazioni.
Pubblicità