NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo
22
Tue, Aug
32 Nuovi articoli

Sant'Antioco. Azienda florovivaistica ottiene giustizia dopo 13 anni grazie alla legge Pinto.

Cronaca Locale
Aspetto
Condividi

Ha aspettato tredici anni per avere giustizia. Adesso l'ha ottenuta grazie alla cosidetta legge Pinto, norma istituita al fine di risarcire i cittadini che hanno partecipato ad un giudizio di irragionevole durata indipendentemente dal fatto che abbiano vinto o perso la causa. In base a questa legge il Ministro dell'Economia e delle Finanze è stato condannato dalla Corte di Appello di Roma a risarcire Agnese Mannai, proprietaria di una azienda florovivaistica di Sant'Antioco, 1,791,00 euro oltre gli interessi legali di legge a titolo di equa riparazione del danno subito. Inoltre la corte ha stabilito anche la condanna a versare 915,00 euro per compensi professionali allo studio legale che ha istruito la causa. A raccontare la vicenda è Guido Pinna, marito Agnese Mannai coadiuvante nell'azienda della Moglie. La storia ha preso avvio quando nel 2002 il Comune di Sant'Antioco decise di smembrare il mercatino settimanale del martedi in due luoghi diversi. La maggior parte degli ambulanti rimase in piazzale Pertini, dove ancora oggi si svolge il mercatino del martedì, mentre una parte più piccola venne spostata in via nei pressi di Matteotti alla periferia cittadina. La novità non era stata bene accolta bene dagli ambulanti trasferiti e alcuni di loro, sentendosi danneggiati, avviarono un ricorso al Tar iniziando, sino al rientro in piazzale Pertini, una specie di sciopero "della non vendita". <ricordo che posteggiavo il furgone nello stallo assegnatoci- ricorda Guido Pinna- senza esporre la merce tanto sapevo che non avrei venduto nulla per mancanza di clienti>.  Il tempo passò e del ricorso non si seppe più nulla. <un giorno abbiamo ricevuto una telefonata da un avvocato di Firenze- continua Guido Pinna- che ci ha chiesto se volessimo continuare la causa senza peraltro spendere nulla. Sono passati ancora dei mesi poi la notizia dell'avvocato che ci ha notificato che il ministro della Giustizia avrebbe dovuto risarcirci>.

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna