NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo
23
Thu, Nov
61 Nuovi articoli

Carbonia. Avvisi di garanzia a 22 persone per presunte firme false nella presentazione delle liste elettorali

Cronaca Locale
Aspetto
Condividi

A conclusione delle indagini, scaturite da una segnalazione inviata direttamente alla Procura di Cagliari dalla prima sottocommissione elettorale che aveva notato qualche irregolarità formali nelle liste elettorali presentate in quanto alcuni nominativi sarebebro ripetuti in più elenchi di presentazione, i militari della stazione di Carbonia hanno notificato un avviso di garanzia in quanto iscritti nel registro degli indagati della procura di Cagliari con l'accusa di falso ideologico. I Carabinieri dopo aver raccolto sommarie informazioni da numerosissime persone per accertare i fatti, hanno indagato ia piede libero 22 persone tutte residenti a Carbonia. Si tratta di 15 persone tra operai, disoccupati, casalinghe e pensionati che avrebbero  sottoscritto due liste elettorali. Una persona che avrebbe falsificato la firma del padre apponendola in una lista per la presentazione dei candidati e sei ex consiglieri comunali della precedente legislatura per falsità ideologica commessa dal pubblico ufficiale in atti pubblici. Le firme che appaiono in diversi elenchi sarebbero state infatti disconosciute dagli interessati perché ritenutefalse. Le indagini sono scaturite dalle anomalie e irregolarita riscontrate dalla suddetta commissione elettorale, che ha vagliato la documentazione presentata dalle liste per l’ammissione delle candidature all’elezione alla carica di sindaco e di consigliere comunale nella tornata elettorale del 5 giugno 2016 per il comune di Carbonia. Gli accertamernti effettuati dai carabinieri avrebbero permesso di accertare che nelle liste elettorali coinvolte, che risultano essere 10, conterrebbero firme false  di diverse persone riportate su più liste avvallate dai presentatori della lista che all'epoca dei fatti erano tutti consiglieri comunali in carica.

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna