NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo
26
Sun, Jun
22 Nuovi articoli

Cagliari. Attività recenti Carabinieri stazioni Provincia

Cronaca Regionale
Aspetto
Condividi

 a Cagliari, al termine dei necessari accertamenti e di un rocambolesco inseguimento, i carabinieri della Sezione Radiomobile della locale Compagnia, coadiuvati da personale delle Stazioni di Stampace e Villanova, hanno tratto in arresto nella flagranza dei reati di detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente in concorso e resistenza a pubblico ufficiale, nonché deferito in s.l. per ricettazione in concorso un 28enne e un 32enne entrambi di Assemini, il primo è stato denunciato anche per il possesso di arnesi atti allo scasso ed il secondo altresì per il reato di porto di oggetti atti ad offendere (art. 4 l. 110/75). I militari operanti, alle precedenti ore 22:45, nel corso di un servizio di pattuglia, mentre erano fermi all’intersezione semaforica tra viale Trieste/via Sauro, sono stati sorpassati dal motociclo Honda SH, intestato a Motostore S.r.l., denunciato quale oggetto di furto il 09 giugno scorso, il cui conducente, identificato nel 28enne, non ha rispettato la luce semaforica rossa e si è diretto, a velocità sostenuta, verso la via Roma, affrontandola contromano. L’equipaggio, dato che l’autista del mezzo non aveva ottemperato all’invito a fermarsi e aveva proseguito la marcia percorrendo pericolosamente le vie del centro, avvertita la centrale operativa, ha intrapreso un inseguimento che si è concluso nella stessa via Roma, ove gli occupanti del motociclo sono stati intercettati da un altro equipaggio, sopraggiunto in ausilio su ordine della centrale operativa di Via Nuoro. Nella circostanza, il conducente, per eludere il controllo, si è diretto al centro della carreggiata dove ha perso il controllo del mezzo e, rialzatosi dopo esser caduto a terra unitamente al passeggero, si è dato ancora alla fuga. Il conducente è stato però presto catturato e posto in sicurezza mentre il passeggero, per sottrarsi al controllo, si è tuffato nello specchio d’acqua del porto antistante da cui, poco dopo, è riemerso autonomamente, consentendo ai militari la sua identificazione. Quest’ultimo, a bordo di ambulanza, è stato trasportato presso l’ospedale SS. TRINITÀ, ove al termine dei controlli, è stato dimesso e successivamente condotto in caserma. I carabinieri hanno rinvenuto, fissate al gancio portaborsa del motociclo, n. 3 buste in plastica, contenenti complessivi 290 gr. di marijuana. Inoltre, a seguito di perquisizione, il 28enne è stato trovato in possesso di un grimaldello mentre il 32enne aveva con sé un coltello a serramanico e una bustina in cellophane contenente 14 gr. di marijuana, il tutto custodito in un marsupio rinvenuto nella sua disponibilità. La perquisizione è stata estesa alle residenze degli interessati e ha consentito di rinvenire nell’abitazione del primo della sostanza da taglio, ulteriori 103 gr. di marijuana ed arnesi atti allo scasso, mentre presso l’abitazione del 32enne sono stati recuperati 3 bilancini di precisione, complessivi 2.254 gr. di marijuana, n. 15 pasticche di ecstasy, del peso di 16,12 gr. nonché materiale per il confezionamento. Quanto rinvenuto è stato sottoposto a sequestro, mentre il motociclo verrà oggi restituito al legittimo proprietario. Su disposizione della Procura della Repubblica i due arrestati sono stati tradotti presso la casa circondariale di Uta.


a Cagliari, i Carabinieri della Sezione Radiomobile della locale Compagnia, al termine di una serie di accertamenti e di un intervento ordinato dalla centrale operativa di via Nuoro, hanno deferito in stato di libertà alla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Cagliari, per furto aggravato e continuato, nonché per indebito utilizzo di carte di credito, un 56enne originario del capoluogo, di fatto senza fissa dimora e con numerosi precedenti denunce a carico. I militari operanti attorno alle ore 17:00 sono intervenuti su richiesta pervenuta all'utenza 112 presso il negozio OVS di via Dante. Nella circostanza hanno potuto appurare che l'uomo era stato sorpreso dai gestori dell'esercizio pubblico mentre asportava abbigliamento e scarpe per un valore di circa 70 €. La successiva perquisizione ha permesso di rinvenire nella disponibilità dell'indagato delle carte di credito intestate a una persona diversa, nonché un portafoglio contenente 25€. Andando ad approfondire tali situazioni, i carabinieri hanno potuto verificare che, intorno alle ore 13:00 precedenti al Poetto, un ventottenne originario di La Maddalena aveva patito il furto di uno zainetto all'interno del quale erano contenuti i beni in questione. Il soggetto denunciato era in possesso delle carte di credito del maddalenino e ne aveva fatto un indebito uso, dal momento che immediatamente dopo il furto egli aveva effettuato 5 acquisti in due distinti punti vendita del capoluogo, per un importo complessivo di 90 euro. La testimonianza di un uomo ha consentito altresì di riconoscerlo fisicamente e per l’abbigliamento quale autore del furto dello zaino. Quanto recuperato dai militari è stato restituito alle parti lese.

a Villacidro sulla strada statale 196 al km 23 + 200 per cause in corso di accertamento, un’autovettura Lancia Y condotta da un ventenne del luogo, disoccupato, è andata fuori strada. A bordo vi era anche una 22enne di Decimomannu. A seguito dell'evento entrambi i giovani sono stati soccorsi da personale del 118 e successivamente trasportati per accertamenti presso l'ospedale Nostra Signora di Bonaria di San Gavino Monreale, non in pericolo di vita. Dagli accertamenti compiuti sul posto dai carabinieri di Villacidro è emerso che il giovane utilizzava l'autovettura privo di patente di guida in quanto mai conseguita, per tale motivo era già stato segnalato dal Radiomobile della locale Compagnia, che ora lo ha denunciato alla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Cagliari per guida reiterata senza patente.


a Villacidro, a conclusione di un'attività d’indagine intrapresa a seguito di una denuncia querela presentata il 23 aprile scorso da una 38enne del luogo, i carabinieri della locale Stazione hanno deferito in stato di libertà alla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Cagliari, per truffa aggravata, un indiano 26enne residente a Brescia, di fatto irreperibile. L'attività d’indagine posta in essere dai militari operanti è basata sull'acquisizione di fonti documentali e ha consentito di accertare che lo straniero, in concorso con altra persona in corso di identificazione, dopo essersi qualificato al telefono come dipendente della Banca Intesa Sanpaolo, era abilmente riuscito ad indurre in errore la denunciante, tramite l'invio di un link per l’attivazione di una nuova carta bancomat. La donna dopo aver proceduto all'attivazione da remoto del documento informatico, consentiva involontariamente al truffatore di compiere un prelievo di €1000 presso uno sportello ATM sito a Napoli, verosimilmente tramite una carta ATM clonata.

Nota stampa comando provinciale carabinieri

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna