NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo
26
Wed, Jul
59 Nuovi articoli

Cagliari. Renato Soru si dimette da segretario regionale PD dopo condanna per evasione fiscale

Cronaca Regionale
Aspetto
Condividi


Renato Soru, patron di Tiscali e segretario regionale del Partito Democratico, europarlamentare, è stato condannato dal Tribunale di cagliari a tre anni di reclusione per evasione fiscale.

Il giudice del tribunale di Cagliari, Sandra Lepore, ha emesso la sentenza, accogliendo parzialmente la richiesta del pubblico ministero Andrea Massidda che aveva chiesto la sua condanna a quattro anni per l’evasione di 2,6 milioni di euro nell’ambito di un prestito fatto dalla società Andalas Ldt a Tiscali.

Il giudice ha concesso a Renato Soru le attenuanti generiche e ha disposto “l’interdizione dagli uffici direttivi delle persone giuridiche e delle imprese, l’interdizione dalle funzioni di rappresentanza e assistenza in materia tributaria, nonché l’incapacità di contrattare con la pubblica amministrazione per la durata di due anni”.

Dopo la condanna, Renato Soru, che continua a proclamarsi innocente, si è dimesso dalla carica di segretario regionale del Partito Democratico.

Sulla vicenda una nota del capogruppo Pd in consiglio regionale Pietro Cocco

«Voglio esprimere la mia personale solidarietà ed il mio affetto all’amico e al politico Renato Soru in questa vicenda giudiziaria che lo vede protagonista – ha dichiarato Pietro Cocco- Conosco la levatura del suo rigore morale nonché la fermezza dei suoi principi, la sua storia politica e il suo amore per la Sardegna, per la quale si è speso anche a prezzo di pesanti rinunce sia nella sfera privata che in quella professionale. Sono convinto – ha concluso Pietro Cocco – che nei successivi gradi di giudizio riuscirà a dimostrare la sua innocenza.»

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna