NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo
03
Sat, Dec
62 Nuovi articoli

Sant'Anna Arresi. Post festival Jazz 2015. Lunedi 7 settembre la Bandakadabra, la superlativa marching band

Spettacolo
Aspetto
Condividi

Il festival “Ai Confini Tra Sardegna e Jazz” dopo aver chiuso i battenti di un’edizione straordinaria regala ancora emozioni musicali. Nella storica Piazza del Nuraghe la notte del 7 settembre, infatti, andrà in scena l’arrivederci alla prossima edizione con la partecipazione straordinaria della Bandakadabra, la superlativa marching band che da anni accompagna e partecipa alla nostra rassegna. Il rapporto che lega il festival alla Banda è ormai diventato amicizia trascendendo il rapporto professionale tanto che ogni ritorno della marching band torinese è salutato con gioia dall'intera comunità di Sant’Anna Arresi.
La grande festa è programmata a partire dalle ore 21.30 sino a tarda notte, ci sarà musica e divertimento per allontanare quella malinconia che accompagna la fine del festival. Una chiusura in allegria che ci proietterà con la testa al futuro ed alla prossima edizione. L’ingresso sarà gratuito ed aperto a chiunque voglia festeggiare i nostri primi 30 anni di vita.
BANDAKADABRA
Carlo Petrini, giornalista, fondatore di Slow Food, l’ha definita una “fanfara urbana”. Calzante definizione per una marching band che fa della città il suo panorama d’elezione e della strada non solo il luogo in cui esibirisi, ma anche dove tratte ispirazione.
Nata nel 2005 a Torino, la Bandakadabra ha saputo percorrere negli anni un percorso artistico che l’ha portata prima a esplorare le sonorità della musica balcanica e mitteleuropea, per poi approdare su un repertorio originale in cui prevale l’influenza jazz e latin.
I brani sono composti da Massimo Rossi, sassofonista della band con una sensibilità artistica poliedrica, capace di spaziare tra generi diversi con intelligenza e raffinatezza.
Nel 2013 il gruppo cambia pelle, stile e formazione: alcuni componenti lasciano la band che si arricchisce di giovani musicisti con una solida esperienza live (Africa Unite, Sweet Life Society, Persiana Jones).
L’elemento teatrale resta affidato alla verve dissacrante dell’istrionico percussionista Gipo Di Napoli, front-man storico del gruppo. La Bandakadabra inizia così a offrire spettacoli ironici e surreali, dove la musica si unisce all’improvvisazione e al teatro. Il risultato di questa sovrapposizione di stili è uno show musicale trascinante che in pochi mesi raggiunge le 60 repliche in giro per l’Italia e all’estero.
L’avvenuta maturazione del gruppo è inoltre testimoniata dal livello delle collaborazioni realizzate negli anni: oltre ad aver ospitato nei suoi live Carlo Actis Dato, Gianluigi Carlone (Bada Osiris) e Roy Paci, nel 2013 la fanfara torinese inizia a lavorare con i Marta sui Tubi, uno dei gruppi più interessanti della scena musicale italiana, il poeta Guido Catalano, autore di composizione ironiche e stralunare, e Fabio Barovero, musicista, compositore e produttore artistico.
Capace di affrontare sia concerti itineranti che da palco, la Bandakadabra ha prodotto due album ed è stata coinvolta nelle registrazioni del live dei Marta sui Tubi nella raccolta “Balkanica!” dei FeelGoodProductions nel disco di natale pubblicato da Federico Siriani, nelle colonne sonore dell’ultimo film di Davide Ferraio, scritte da Fabio Barovero, e nel disco d’esordio della Banda Elastica Pellizza, vincitrice della Targa SIAE Tenco nel 2009.

Iscriviti!! E' Gratis

Iscriviti attraverso il nostro servizio di abbonamento gratuito di posta elettronica per ricevere le notifiche quando sono disponibili nuove informazioni.
Pubblicità