NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo
04
Sun, Dec
55 Nuovi articoli

Cagliari. Pubbliche "chiacchierate" aspettando Monumenti Aperti al Centro comunale d'arte Il Ghetto

Spettacolo
Aspetto
Condividi

Penultima tappa giovedì 7 aprile ore 16.30 del percorso che porta alla ventesima edizione di Monumenti Aperti, organizzata dalla ONLUS Imago Mundi, che giungerà a Cagliari il 14 e 15 maggio, con il terzo appuntamento del ciclo di incontri pubblici per scoprire o riscoprire la storia del capoluogo sardo. Il ciclo, dal titolo Cagliari attraverso, propone una lettura dal secondo Novecento ad oggi delle vicende che legano la città agli eventi, alle figure e agli spazi che hanno caratterizzato il mondo della cultura e dello spettacolo.

Cagliari attraverso la musica è il tema di giovedì 7 aprile. L’incontro, con ingresso gratuito, si svolge al centro comunale d'arte Il Ghetto in via Santa Croce con inizio alle 16.30. Partire dalla situazione anteguerra per arrivare ai giorni nostri segnalando come ci sia stata la necessità, dal dopoguerra, di inventare e costruire ex novo gli spazi destinati alla musica: è il percorso che tracceranno Miriam Quaquero, titolare della cattedra di Storia ed Estetica della Musica presso il Conservatorio di Musica "G. Pierluigi da Palestrina" e Sergio Benoni, giornalista e fondatore dell’emittente Radio X. A coordinare i loro interventi e riflessioni sarà il giornalista Giacomo Serreli.

Alla città non erano mancati i suoi spazi deputati anche per ospitare stagioni liriche seguite da un ampio e competente pubblico di appassionati. L’incendio del Politeama Regina Margherita, il Teatro Civico distrutto dai bombardamenti del 1943 ed anche la distruzione del Supercinema privarono Cagliari di suoi luoghi destinati alla cultura e allo spettacolo. Tutti da ricostruire o inventare, superando lo spartiacque ideale del dopoguerra, con le lunghe esperienze di cantieri interminabili per ridare alla città un teatro degno di questo nome o riconquistare a questo scopo chiese o altri spazi abbandonati. Anche per il pubblico più giovane che nei decenni successivi si accostava al jazz, al rock e al pop tra sale cinematografiche poi scomparse e piccoli club o arene all’aperto.

L’ultimo appuntamento è previsto per il 21 aprile con Cagliari attraverso il cinema e la letteratura. La docente Gigliola Sulis e il regista Enrico Pau parleranno del ruolo e della presenza della città di Cagliari sul grande schermo e nella letteratura. Gli interventi saranno moderati dall’operatore culturale Giuseppe Pilleri.

Iscriviti!! E' Gratis

Iscriviti attraverso il nostro servizio di abbonamento gratuito di posta elettronica per ricevere le notifiche quando sono disponibili nuove informazioni.
Pubblicità