NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo
07
Wed, Dec
66 Nuovi articoli

Sant'Antioco. Sel: La situazione del parco giardino è una occasione mancata verso la crescita dei giovani del paese

Politica Locale
Aspetto
Condividi

Il gruppo di Sel cittadino interviene con una nota stampa sulla situazione in cui versa il parco giochi che si trova nel parco giardino del lungomare, spesso oggetto di visite dei vandali.
"Non è nostra intenzione entrare in polemica con nessuno, ma la questione del parco giardino mette in luce un decadimento culturale e sociale innegabile che ha delle responsabilità politiche precise ed è assolutamente imputabile ad una gestione della cultura e dell'educazione civica che ha mostrato lacune e vuoti immani nell'operato dei nostri amministratori .
La non politica praticata da alcuni assessori di questa giunta sta lentamente distruggendo un tessuto sociale già ampiamente messo in crisi dalla difficile situazione economica di questo paese .
L'aver abdicato , già da lungo tempo , il ruolo di fucina di idee e di proposte, sopratutto dall'assessore ai servizi sociali, sta avendo ripercussioni negative sopratutto in quella fascia di società giovane che avrebbe bisogno di stimoli , luoghi di confronto , momenti di formazione che questa amministrazione ha completamente cancellato dalla propria agenda di governo .
All'assessora Piredda spetta il ruolo di educatrice di una comunità , a lei compete l'onere delle scelte di sviluppo e recupero sociale , sono in capo a lei le strategie per far si che le nuove generazioni del nostro paese incanalino le loro valvole di sfogo verso momenti costruttivi , di confronto e non vengano lasciate al caso, abbandonati alla strada perchè deprivati di luoghi di aggregazione sana, controllata.
Non servono telecamere e ronde assessore , servono politiche di emancipazione sociale , servono politiche di lotta all'analfabetismo funzionale , servono politiche di lotta alla dispersione scolastica , servono politiche che favoriscano percorsi di inclusione sociale e di stimolo alla cultura ed al rispetto della cosa pubblica. In poche parole , sig.ra asessora , serve qualcuno che abbia la capacità di amministrare e sopratutto , ce lo consenta , di ragionare politiche di cultura del rispetto delle cose comuni e non progetti di telecamere ad ogni angolo di strada come ipotizzava George Orwell in un suo famoso libro, 1984. Servono amministratori capaci ed ahinoi nel nostro piccolo comune mancano da troppo , tantissimo tempo ".
Il direttivo SEL Cittadino

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Iscriviti!! E' Gratis

Iscriviti attraverso il nostro servizio di abbonamento gratuito di posta elettronica per ricevere le notifiche quando sono disponibili nuove informazioni.
Pubblicità