NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo
04
Sun, Dec
59 Nuovi articoli

Iglesias. Cisl: Lo sblocco dei fondi del Piano sulcis è un altro passo in avanti grazie alla Mobilitazione Generale Popolare.

Politica Locale
Aspetto
Condividi

Sei milioni e mezzo di euro verranno infatti resi disponibili dalla Regione nei prossimi giorni, per gli incentivi a sportello per il sostegno alle imprese del Sulcis. Fabio Enne, Segretario generale UST CISL plaude in un comunicato allo sblocco di parte dei fondi del Piano Sulcis. “La Mobilitazione Generale Popolare partita il 1 febbraio dal Sulcis, continua a portare i suoi frutti- afferma il segretario teritoriale Fabio Enne- Lo sblocco dei 6,5 milioni di euro per gli incentivi alle imprese, seppur non sufficiente a coprire la domanda, è una boccata di ossigeno per le imprese del sud-ovest della Sardegna”.
A partire dal 27 aprile il Centro Regionale di Programmazione pubblicherà sul sito della regione il Bando per gli aiuti alle imprese in fase di avviamento e sviluppo, secondo quanto previsto dalla delibera CIPE n.31 del 20 febbraio 2015.
I comuni ammessi al bando sono i 23 della ex provincia di Carbonia Iglesias mentre le aree di intervento riguardano Industria sostenibile (edilizia, energia, biotecnologie - 1.784.000 euro), Turismo (961.000 euro), Agroindustria (vitivinicolo, ittico, erbe officinali - 752.000 euro) e altri settori non prioritari (2.983.000 euro).
“L’impegno quotidiano della UST CISL, della Cisal, della Fismic – Consal, del movimento Partite Iva, Sardegna ZONA FRANCA, Artigiani e Commercianti, Studenti, Disoccupati, le azioni di rivendicazioni messe in campo negli ultimi mesi - continua Enne- hanno fatto si che la Giunta Regionale deliberasse in merito agli incentivi alle imprese, vero tessuto connettore dei territori. Proseguiamo - conclude il sindacalista- nell’opera di vigilanza, affinchè la Regione stanzi il resto delle somme a disposizione, per troppo tempo bloccate. Teniamo alta l’attenzione e gli occhi aperti. Come anticipato sulla questione relativa alla zona franca, siamo pronti a ripartire con la mobilitazione, armati di fischietti, trombette e tamburi, se solo dovessimo ravvisare un minimo ostacolo o lungaggini di qualsiasi genere”.

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Iscriviti!! E' Gratis

Iscriviti attraverso il nostro servizio di abbonamento gratuito di posta elettronica per ricevere le notifiche quando sono disponibili nuove informazioni.
Pubblicità