NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo
25
Tue, Apr
46 Nuovi articoli

Nuxis. Opposizione all’attacco. Nonnis: «Gravi pericoli sulla statale 293 e il sindaco sta a guardare».

Politica Locale
Aspetto
Condividi

Il consigliere comunale d’opposizione, Mariano Nonnis, con una lettera all’assessore regionale ai Lavori Pubblici Paolo Maninchedda, al direttore del compartimento ANAS di Cagliari e al sindaco di Nuxis, denuncia lo stato di pericolosità del tratto della statale 293 che lambisce e divide il paese ed è l’arteria di collegamento verso il resto del Sulcis Iglesiente e verso il capoluogo regionale. «Non si può più tollerare – scrive Nonnis – il disinteresse delle istituzioni nei confronti del tratto della strada statale 293 che costeggia e attraversa l’abitato del paese di Nuxis. Una porzione di asfalto assai trafficata, in quanto collegamento verso il Basso Sulcis per tutti coloro i quali intendono raggiungerlo provenendo da Cagliari e dal Cagliaritano. I non pochi lavoratori (un esempio: gli insegnanti che risiedono in quell’area e hanno la cattedra nei nostri paesi) e autotrasportatori che la percorrono quotidianamente, mentre i turisti e frequentatori del litorale della Sardegna sudoccidentale, nei mesi estivi, la rendono assai battuta. Non tutti, inoltre rispettano i limiti di velocità, facendo aumentare il rischio già di per sé alto». Pericoli per chi va sulle quattro e due ruote, dunque, ma anche per chi va a piedi: «I pedoni non sono più sicuri, visto che i marciapiedi non sono realizzati in modo tale da evitare ogni pericolo per chi li deve percorrere anzi si interrompono bruscamente ed i pedoni sono costretti a percorrere la strada sul ciglio della statale prima di mettersi in sicurezza. Che dire degli studenti costretti ad attendere i mezzi pubblici sul ciglio della strada? Non esiste una pensilina, o comunque uno spazio idoneo. E purtroppo c’è stato anche chi, a causa di questa pericolosità, ha perso la vita: quante croci ancora dovranno essere piantate sul ciglio della strada – si chiede il consigliere d’opposizione – perché finalmente questa arteria fondamentale per Nuxis e i suoi abitanti sia messa in sicurezza?». Sotto accusa, nella missiva, l’inerzia del sindaco di Nuxis Roberto Lallai di fronte al disinteresse delle istituzioni superiori: «Il Piano Sulcis – così prosegue la missiva - ha previsto diversi interventi sulla rete viaria della ormai ex provincia di Carbonia e Iglesias: ma neppure uno riguarda il tratto di strada in questione. I diritti degli abitanti di Nuxis sono stati messi da parte: neppure all’ultimo posto, che già sarebbe qualcosa, ma proprio dimenticati. Ma non sono solo le istituzioni più lontane dal comune ad averci dimenticato: che dire del silenzio dell’amministrazione comunale di fronte all’ultimo intervento dei sindaci di Piscinas, Giba e Masainas proprio sulla statale 293? Non si sente una protesta, una rivendicazione, una richiesta di realizzazione di una rotonda o comunque di messa in sicurezza di quella strada, così come è avvenuto in altri comuni. Niente di nuovo, sotto il sole di Nuxis: ormai ci siamo abituati. Lo abbiamo visto in altre vicende più o meno recenti. I primi cittadini degli altri Comuni chiedono, attraverso i propri rappresentanti, combattono e rivendicano i diritti della loro gente e talvolta ottengono, a Nuxis tutto questo purtroppo non avviene. La misura è colma e le istituzioni devono farsi carico anche del nostro problema, assumendosi le proprie responsabilità e rispondere alle esigenze dei cittadini di Nuxis. È un dovere – conclude Nonnis – rivendicare i diritti del paese e dei suoi cittadini».

Giovanni Di Pasquale

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna