NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo
07
Wed, Dec
66 Nuovi articoli

Calasetta. Lettera aperta dei consiglieri di minoranza. Manifesto di critica e legalità.

Politica Locale
Aspetto
Condividi

Una lettera aperta inddirizzata ai Cittadini, al Responsabile anticorruzione e Segretario comunale, al Responsabile del servizio personale e vicesegretario comunale e ai Consiglieri Comunali, è stata resa nota
dal gruppo di opposizione "Calastta cambia". La lettera: Come è noto, purtroppo, recentemente questo Comune è venuto alla ribalta della cronaca giornalistica in quanto oggetto di indagine da parte della Procura di Oristano nell’ambito dell’inchiesta denominata "SINDACOPOLI".
Nell’ambito della predetta inchiesta è notorio per l’ampio risalto datone dalla stampa che sono stati interessati sia il Geom. Giampaolo Fois, Responsabile dell’Ufficio Tecnico del Comune di Calasetta, sia l’Ing. Antonio Vigo, Sindaco del Comune di Calasetta.
Orbene, siamo consapevoli e rispettosi del principio, sancito peraltro nella nostra Costituzione Italiana, della presunzione di innocenza e confidiamo nel lavoro della Procura della Repubblica e dei competenti organi giurisdizionali affinché sia fatta definitivamente luce sull’intera vicenda al più presto.
Pur tuttavia, sotto un profilo morale e politico, come forza di opposizione non possiamo esimerci dal rilevare e richiedere al Sindaco e ai Consiglieri che appoggiano la maggioranza, quanto segue:

A) In primis, richiediamo al Segretario e al Vicesegretario, se frattanto sono stati posti in essere atti o procedimenti amministrativi volti alla verifica dei presupposti per la sospensione e/o annullamento e/o revoca degli affidamenti di cui agli appalti banditi dal Comune di Calasetta ed oggetto dell’inchiesta, poiché a quanto pare il Sindaco, cui pure compete il potere di organizzazione degli Uffici, appare oggetto delle indagini.

B) Se il Sindaco ritiene opportuno e doveroso nelle more del procedimento penale nei confronti del Geom. Giampaolo Fois e sino alla conclusione dello stesso, affidare la responsabilità degli Uffici Urbanistica ed Appalti Pubblici ad altro professionista,

Come cittadini, prima ancora che Consiglieri, ci sia consentito rilevare l’estrema gravità di quanto accaduto.

Mai, difatti, il Comune di Calasetta, nella persona dei Suoi funzionari e del Sindaco, si è visto oggetto di indagini per così gravi reati, né è stato mai interessato da perquisizioni e sequestri, perfino dei computer, da parte delle competenti Autorità.

A fronte di tale drammatica situazione appare del tutto inadeguato e certamente non comprensibile sotto il profilo politico, il contegno assunto dal Sindaco Ing. Vigo il quale non pare comprendere la gravità dei fatti e dei reati contestati, ma anzi si duole, come recentemente apparso sui giornali, del fatto che la Procura della Repubblica non consentirebbe al Comune di poter programmare!!!!

Il nostro Gruppo ritiene che tali dichiarazioni si commentino da sole e sul punto stende un velo pietoso, consapevole che sentite diverse lamentele da parte di molti cittadini, a meno di un anno dalle elezioni che videro vincente per la seconda volta l’ing. Vigo, avrebbe già cambiato opinione nei suoi confronti.
E ciò di fronte alla conclamata:

A) incapacità manifesta da parte della Giunta di programmare (tra i tanti esempi valga il seguente: “siamo a metà anno e ancora l’Amministrazione non ha approvato il bilancio di previsione che dovrebbe dirci quali risorse sono previste nel 2015 per servizi e opere – sig. Sindaco che c’entra la magistratura in relazione a tale inadempienza”)

B) all’arroganza con cui non viene rispettata la normativa sul numero dei componenti della Giunta Comunale! (sapete Cittadini che siamo l’unico Comune con 3.000 abitanti circa ad avere una giunta di 5 soggetti in luogo dei 4 previsti dalla legge? E sapete che il Sindaco a fronte di un’interrogazione del nostro gruppo ha ritenuto, bontà sua, di interpretare la legge in modo difforme rispetto a tutti gli altri Enti dell’isola pur di non rinunciare, come avrebbe dovuto, ad un assessore, che continua così a prendere indennità e permessi non dovuti e a deliberare atti che in futuro potrebbero essere ritenuti viziati in quanto deliberati da un organo non legittimo);

C) alla, perlomeno, poca avvedutezza delle scelte amministrative fatte (quante volte abbiamo sentito il Sindaco e la maggioranza affermare che i dipendenti e i funzionari sono in numero sottodimensionato? Ebbene si tratta delle stesse persone che hanno accolto il trasferimento dell’Ing. Fontana ad altro Comune, unico ingegnere di tutto l’Ufficio Tecnico del comune di Calasetta!!!).
E poi, a fronte di tale emergenza, si perviene ad affidare progettazione ed incarichi tecnici di varia natura a professionisti esterni affermandosi nelle relative determinazioni che il Comune “non dispone di tali figure professionali nel suo organico” (spese aggiuntive per il nostro Comune).

D) alla cronica carenza di servizi – ad esempio in occasione della manifestazione “La Primavera Sulcitana” nella principale via del paese non si è predisposto che a turno i Vigili Urbani presidiassero l’ordine pubblico durante tutta la manifestazione (abbiamo visto numerose volte le transenne spostate a piacimento!!!; abbiamo segnalato più volte la carenza del personale suddetto in consiglio comunale)

Ci fermiamo qui per non appesantire troppo il discorso.

Quello che chiediamo a Voi tutti Cittadini è di non avere paura, di contrastare con noi questa politica, di non rassegnarci allo stato delle cose, alla piazza del Municipio e via Roma buia di notte, al nostro porto dissestato, alle nostre strade dissestate, alle nostre spiagge non pulite, all’erba che cresce sui nostri marciapiedi, ai cassonetti pieni di immondizia alla stregua di discariche nelle campagne e non, alle feci dei cavalli che da ultimo imbrattano le strade del centro storico e delle spiagge scoraggiando ancora di più i turisti alle classiche passeggiate, all’immobilismo e lungaggini dell’Amministrazione, alla carenza di servizi, alla carenza di programmazione, alle perquisizioni e ai sequestri presso la casa Comunale quasi fosse una normale attività, al silenzio assordante degli organi di governo del Comune ed infine ALL’INCAPACITA’ DI INDIGNARSI DI FRONTE
A TALI FATTI! UNITI POSSIAMO CAMBIARE. BASTA AVERE CORAGGIO

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Iscriviti!! E' Gratis

Iscriviti attraverso il nostro servizio di abbonamento gratuito di posta elettronica per ricevere le notifiche quando sono disponibili nuove informazioni.
Pubblicità