NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo
13
Fri, Dec
34 Nuovi articoli

Cagliari. Venerdì convegno sul tema “CAS.SA.COLF e lo sviluppo del welfare nel settore del lavoro domestico”.

Politica Regionale
Aspetto
Condividi

Nella regione dove gli italiani al lavoro per l'assistenza in famiglia superano di gran lunga gli stranieri, a Cagliari - il prossimo 19 luglio (THotel) - il convegno sul tema “CAS.SA.COLF e lo sviluppo del welfare nel settore del lavoro domestico”.

Sono 44.259 i lavoratori domestici regolari registrati nel 2017 in Sardegna (Rapporto Domina). Oltre 40mila sono donne e, diversamente da quel che accade in altre regioni d'Italia, in Sardegna la percentuale degli italiani al lavoro nel settore dell'assistenza familiare sfiora l'80% del totale. I badanti costituiscono il 66% del totale dei lavoratori domestici.

Ogni 10 mila abitanti, lavorano regolarmente in Sardegna 268 tra colf e badanti, percentuale (circa il 3 %) la più alta tra le regioni d'Italia, dove la media è di 143 lavoratori domestici ogni 10 mila abitanti (1,4 per cento). La Sardegna è tra le regioni dove gli over 65 aumentano in numero considerevole di anno in anno: attualmente sono circa 400 mila, il 20% della popolazione.

Le famiglie sarde spendono ogni anno 245 milioni di euro per il lavoro domestico regolare, nona regione d'Italia nella classifica dei costi sostenuti dalle famiglie per l'assistenza familiare (prima la Lombardia con 1 miliardo e 450 milioni, ultima il Molise con 12 milioni di euro). Si tenga presente che il costo complessivo nel nostro Paese è pari a 9 miliardi e 662 milioni di euro annui, ma in termini di valore aggiunto il lavoro domestico genera oltre 19 miliardi di euro, una considerevole cifra che complessivamente rappresenta ben 1,3 punti di P.I.L.

Oggi, in Italia (senza grosse differenze tra regione e regione) solo l'8 per cento dei pensionati può sostenere la spesa dell'assistente familiare, contando solo sulla pensione.

CAS.SA.COLF - Cassa Sanitaria Collaboratrici e Collaboratori Familiari - non è una società privata, ma un ente no profit, istituto del Contratto Collettivo Nazionale del Lavoro Domestico (sottoscritto da FILCAMS CGIL, FISASCAT CISL, UILTUCS e FEDERCOLF in rappresentanza dei lavoratori e da DOMINA e FIDALDO in rappresentanza dei datori di lavoro), costituito per fornire prestazioni agli iscritti e al tempo stesso garantire tranquillità e regolarità sul posto di lavoro

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna