NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo
05
Mon, Dec
56 Nuovi articoli

Cisl. Col Masterplan per il Mezzogiorno la Regione senza più alibi

Politica Regionale
Aspetto
Condividi

Anche il MasterPlan per il Mezzogiorno, messo a punto dal Governo, concorda con quanto i sindacati sardi, la Cisl in particolare, ripetono da anni: una vera politica industriale deve  essere costruita  sui cosiddetti “fattori di contesto”, ossia le regole di funzionamento dei mercati  e i fattori di produzione comuni,  cioè  infrastrutture e capitale umano. C’è in Sardegna il capitale umano, anche culturalmente preparato, che in attesa di trovare lavoro  e per non perdere la professionalità acquisita con gli studi, ha intrapreso la via  dell’emigrazione, che la Regione ha favorito con un uso improprio del master&back. Mancano, o difettano largamente, le infrastrutture. Da almeno un decennio, nel quadro della “vertenza Sardegna”, il sindacato sollecita la Regione a chiedere al Governo la banda larga ( oggi ultralarga) , un sistema ferroviario moderno e non “risorgimentale” come l’attuale,  il piano della portualità,  un sistema viario non limitato alla “Carlo Felice”, un piano energetico. Richieste - valide ancora oggi e finalmente rilanciate ( meglio tardi che mai) dal Governo – che non sostituiscono ma si aggiungono alla vertenzialità in atto per salvare l’occupazione nelle industrie ancora in crisi. "Dei quindici patti per il Sud, due riguardano la Sardegna ( l’intera regione e l’area metropolitana di Cagliari). Il sindacato vuole essere parte - spiega   Il segretario generale Oriana Putzolu corresponsabile nell’elaborazione di questo patto- La Regione non aveva alibi prima. Ne ha ancor meno adesso dopo la disponibilità manifestata dal Governo".

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Iscriviti!! E' Gratis

Iscriviti attraverso il nostro servizio di abbonamento gratuito di posta elettronica per ricevere le notifiche quando sono disponibili nuove informazioni.
Pubblicità