NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo
04
Sun, Dec
59 Nuovi articoli

Cagliari. (Cisl) 1° maggio 2016 per dire no al sonnifero sull’emergenza lavoro

Politica Regionale
Aspetto
Condividi

Per la festa del lavoro e dei lavoratori del 1° maggio giunge una nota della Cisl regionale in cui si stigamatizza la drammatica situazione in cui versa il lavoro in Sardegna: "Il silenzio sta diventando il “sonnifero” sul problema lavoro. Poiché non si riesce ad affrontare adeguatamente l’emergenza-occupazione, si cerca di rimuoverla dall’agenda politica, relegandola senza far rumore agli ultimi posti delle priorità di governo. Eppure la Regione sa che migliorare la situazione lavorativa significa risolvere la gran parte dei problemi dell’isola: compresi quelli sociali, educativi e di ordine pubblico. Il 1° maggio 2016 il sindacato combatte contro il rischio del “ Valium” alle vertenze lavorative. Per non attendere muti che siano i tempi biblici della politica e della burocrazia a risolvere le situazioni oppure a trascinarle fino al punto di non ritorno. Quando gli impianti sono diventati ferrivecchi e le aziende impossibilitate a rientrare sul mercato.
E’ evidente che il problema occupazione, nei momenti positiv, è diventato per la Regione, una medaglia da appuntarsi nelle conferenze stampa. Quando le cose vanno male, e non è possibile “vendere” giornalisticamente nemmeno una promessa, si sceglie il silenzio. Neppure una denuncia politica contro un governo nazionale che rimanda di nove mesi gli impegni presi e con la fantasia viaggia senza ritardi sugli aerei da e per la Sardegna.
Non ben viste le occupazioni di ciminiere e di fabbriche: gesti di disperazione che impressionano l’opinione pubblica, ma preoccupanti imprevisti per i governatori della cosa pubblica costretti a correre ai ripari con qualche telefonata al ministro competente per una nuova promessa da spendere in attesa di tempi migliori.
Lavoratori e politici in Sardegna camminano su percorsi completamente divergenti. I primi chiedono di riavere oggi il lavoro perduto. Vogliono sapere come vivranno i quasi 150 mila disoccupati ormai privi di qualunque ammortizzatore sociale scardinato dal nuovo welfare renziano ed europeo; il destino riservato ai giovani tra 24 e 35 anni oggi senza lavoro; quando potranno andare in pensione e con quale importo le migliaia di quarantenni rottamati.
La Giunta Pigliaru cerca di curare la miopia, ma non sa leggere il presente. Fatica a stare sul pezzo dei problemi quotidiani e si consola disegnando, per adesso solo a tavolino, un futuro radioso, ma non riesce a garantire, oggi, pane e companatico alle famiglie.
Dice di voler costruire la Sardegna del 2.0, ma non vede 350 mila poveri che non riescono a mettere insieme il pranzo con la cena e a pagare l’affitto della casa. I lavoratori di Alcoa e delle decine di aziende in crisi del Sulcis e di Ottana hanno diritto di conoscere il loro destino. L’Ogliastra vuole sapere se l’industria aerospaziale potrà avere testa e corpo a Quirra e dintorni. Portotorres se le bonifiche saranno attuate e la green economy avrà un futuro. Se Cagliari e Oristano potranno risolvere, grazie alla medicina del lavoro, anche il problema dell’invecchiamento, e il Medio Campidano potrà togliersi la maglia nera di provincia più povera d’Italia.
Ogni territorio è mobilitato, perché tutta la Sardegna è in crisi. Con il sindacato nonostante tutto impegnato a tenere, con sempre maggiori difficoltà, la protesta entro i limiti democratici.
Il 1° maggio 2016 ricorda a tutti che il diritto alla dignità del lavoro rifiuta ogni sonnifero".

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Iscriviti!! E' Gratis

Iscriviti attraverso il nostro servizio di abbonamento gratuito di posta elettronica per ricevere le notifiche quando sono disponibili nuove informazioni.
Pubblicità