NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo
09
Fri, Dec
63 Nuovi articoli

Cagliari. Mutui prima casa. Maninchedda: atteggiamento banche inaccettabile

Politica Regionale
Aspetto
Condividi

"Un atteggiamento inaccettabile - ha commentato Maninchedda - da parte delle banche che, nonostante acquistino il denaro a tasso zero e godano di una serie di protezioni, per pigrizia nell’attivazione delle istruttorie o per altri motivi non vengono incontro alle legittime aspettative dei cittadini. Una rinegoziazione oggi, per una famiglia, può voler dire un risparmio ben più grande del bonus di 80 euro del Governo – ha detto l’Assessore – e questo fatto non può essere ignorato, soprattutto da parte di istituti radicati e diffusi il tutto il territorio regionale”. “Noi ci schieriamo nettamente dalla parte dei cittadini – ha proseguito l’esponente della Giunta – e procederemo con tutte le azioni necessarie: la lettera ad ABI e a Banca d’Italia è solo un primo passo, andremo a fondo”.

L'AGEVOLAZIONE – La legge 32/85 impegna ogni anno uno stanziamento regionale che supera i 30 milioni di euro, per l’abbattimento dei tassi di interesse, in misura del 30, 50 o 70% a seconda dei casi, dei mutui per la prima casa. La Regione versa alle banche convenzionate il proprio contributo in un’unica soluzione all’inizio del piano di ammortamento. La rinegoziazione è quindi importante non solo per il cittadino, che con i tassi attuali otterrebbe un significativo risparmio mensile, ma anche per le casse pubbliche: la quota di contributo eccedente a seguito della rinegoziazione deve infatti essere restituita dalle banche. Questo comporterebbe la possibilità di aumentare il numero dei cittadini beneficiari dell’agevolazione.

DIRETTIVE E LINEE GUIDA – E’ del 21 gennaio scorso la direttiva con cui l’assessore dei Lavori Pubblici comunicava agli Istituti bancari l’autorizzazione della Regione al mantenimento delle agevolazioni attraverso l’abbattimento originariamente previsto del tasso rinegoziato. Il 20 aprile, a seguito della richiesta di chiarimenti da parte di Banca Intesa, l’assessore ha inoltre comunicato ai quattro Istituti convenzionati (Banco di Sardegna, Banco di Sassari, Banca UNIPOL e Banca Intesa San Paolo) le Linee Guida in materia di rinegoziazione che prevedono, tra le altre cose, la determinazione del tasso di rinegoziazione, equiparato al tasso di riferimento vigente al momento della rinegoziazione stessa che, per il mese di maggio 2016, si attesta al 1,78 %.

I NO DELLE BANCHE E LE PROTESTE DEI CITTADINI – Nonostante i chiarimenti sulla metodologia, le banche continuano a rifiutare la maggior parte delle richieste di rinegoziazione, o a proporre alternative comunque più onerose per i cittadini, i quali da tempo si rivolgono esasperati agli uffici dell’assessorato per chiedere chiarimenti e sostegno da parte della Regione. “Un sostegno che da oggi – ha concluso l’assessore Maninchedda - sarà ancora più forte, attraverso tutte le azioni possibili. Se le banche intendono ostacolare i cittadini sardi e aprire una strisciante guerra civile sulla rinegoziazione dei mutui, devono sapere che hanno superato il segno e che la Regione è in campo contro di loro e contro le loro pratiche informate iscrivibili nel perimetro delle microtirannidi burocratiche".

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna