NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo
07
Wed, Dec
67 Nuovi articoli

Carbonia, Olbia Monserrato e Sinnai. Domani domenica 19 giugno alle urne per il ballottaggio

Politica Regionale
Aspetto
Condividi


Oltre 107 mila sardi sono chiamati di nuovo domani domenica 19 giugno alle urne nel turno di ballottaggio per la scelta del sindaco: domani si vota a Carbonia, Olbia, Monserrato e Sinnai. Chiusa la campagna elettorale ieri a mezzanotte, oggi è la giornata del silenzio. In tutte le scuole interessate è cominciato l'allestimento dei seggi, domani si vota dalle 7 alle 23, subito dopo inizierà lo spoglio.

A Carbonia il sindaco uscente Giuseppe Casti (Pd) dovrà vedersela con l'esponente del Movimento 5 stelle Paola Massidda, che, nel caso di vittoria, sarebbe la prima donna sindaco pentastallata  della città mineraria. Impiegata Asl di 50 anni, sposata e madre di due figli, è arrivata al secondo turno, ottenendo il 21,95%, in extremis e strappando a Bruno Piano (civica) la possibilità di sfidare Casti, che si è fermato al 36,15% con una coalizione formata da Pd, Partito dei Sardi, Sel e due liste civiche, cittadini per Carbonia e Unione cittadina. In questo caso nessun apparentamento ufficiale ma è probabile che arrivino apporti esterni perché dai calcoli emerge che sia per Unidos che per la lista civica di Piano la vittoria di Casti porterebbe in dote alcuni seggi in più.

Ad Olbia va in scena il "classico" scontro centrodestra-centrosinistra tra Carlo Careddu, vice sindaco uscente del Pd, forte del 32,3% del primo turno, e Settimo Nizzi, deputato di Fi, che si è fermato al 28% delle preferenze. Mentre per Careddu non ci saranno apparentamenti, Nizzi ha annunciato l'endorsement del candidato della coalizione civica l'Altra Olbia, Marco Balata - ma non del movimento La Base che ha sostenuto Balata al primo turno e ora lascia libertà di scelta - e degli ex azzurri di Forza Olbia.

A Sinnai la sfida è tutta interna al centrosinistra: Sel sostiene insieme a Centro democratico, Partito dei sardi, Psd'Az, Rossomori e due civiche il candidato Matteo Aledda, in vantaggio con il 45,6%, mentre il Pd è il partito della rivale, il sindaco uscente Barbara Pusceddu, aiutata nella scalata alla riconferma anche da quattro civiche.

Sarà svolta a Monserrato? "rossa" negli ultimi venti anni: è in vantaggio il candidato sostenuto da Riformatori, Socialisti e due civiche, Tomaso Locci. Dovrà vedersela con Tonio Vacca, sindaco in due consiliature, alla guida di una coalizione con Sel, Psd'Az, Rossomori e civica.

(Fonte Ansa)

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Iscriviti!! E' Gratis

Iscriviti attraverso il nostro servizio di abbonamento gratuito di posta elettronica per ricevere le notifiche quando sono disponibili nuove informazioni.
Pubblicità