NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo
22
Sat, Jul
58 Nuovi articoli

Cagliari. Locci (fi)scarsa attenzione che la Giunta riserva poca attenzione al comparto cultura. Musei e poli archeologici della Sardegna a rischio chiusura

Politica Regionale
Aspetto
Condividi

Musei e siti archeologici a un passo dal collasso. La Giunta regionale mostra tutta la sua incapacità nella gestione dei beni culturali della Sardegna, lasciando il comparto a secco di risorse: se entro il primo ottobre non verranno stanziati i 2,3 milioni di euro che mancano all’appello per poter garantire la continuità ai siti dell’isola, potremmo assistere alla chiusura dei musei e dei poli archeologici. Ma non solo: a pagare il prezzo delle politiche approssimative dei professori sono anche gli operatori del settore, che di punto in bianco potrebbero trovarsi senza occupazione. E meno male che tra gli obiettivi di Pigliaru e soci c’era la valorizzazione della cultura. E vista questa drammatica situazione, viene legittimamente da chiedersi dove siano finiti i paladini della cultura. Ormai è un dato certo che tutti gli appelli lanciati dalle opposizioni e dagli stessi lavoratori all’Assessore Claudia Firino, entrano in un orecchio ed escono dall’altro. Da mesi si cerca invano di riportare la Giunta sulla giusta strada, facendole capire quanto sia importante il settore anche in termini turistici. Ma nulla, siamo ancora qui, a un passo dalla “bancarotta”, a chiedere i fondi necessari. "Troppo facile parlare di turismo e cultura rimanendo nel campo dei buoni propositi - sottolinea Ignazio Locci- senza stanziare le dovute risorse per dare al comparto l’attenzione che merita. In ballo non c’è soltanto il futuro del nostro immenso patrimonio culturale, ma anche quello delle centinaia di cittadini sardi che vi prestano servizio e che, stando a questo scenario, dal primo ottobre prossimo potrebbero trovarsi senza occupazione. - continua locci- Nell’aprile scorso abbiamo presentato una mozione con cui chiedevamo, tra le altre cose, l’impegno del Presidente della Regione, della Giunta regionale e dell'Assessore regionale della Cultura a portare all'attenzione del Consiglio regionale la situazione dei progetti inerenti la gestione e la valorizzazione del patrimonio culturale della Sardegna. Ma ad oggi siamo ancora in attesa. È venuto il momento che, discutendo la succitata mozione, la massima assemblea dei sardi affronti la questione ponendovi rimedio nel più breve tempo possibile. Basta con le parole al vento, si passi immediatamente ai fatti".

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna