NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo
02
Fri, Dec
67 Nuovi articoli

Piscinas. Presidio lavoratori Ssb. Chiesto a Regione incontro per sbloccare vertenza azienda

Stampa Locale
Aspetto
Condividi

Sit in di protesta questa mattina dei lavoratori della Società sarda bentonite (Ssb) a Piscinas per chiedere un incontro urgente alla Regione teso a risollevare le sorti dello stabilimento dopo il passaggio a giugno dello scorso anno dalla Clariant alla Polar e dopo i licenziamenti di 12 dei 24 lavoratori, oltre che di tre dipendenti di una ditta appaltatrice.

Sit in di protesta questa mattina dei lavoratori della Società sarda bentonite (Ssb) a Piscinas per chiedere un incontro urgente alla Regione teso a risollevare le sorti dello stabilimento dopo il passaggio a giugno dello scorso anno dalla Clariant alla Polar e dopo i licenziamenti di 12 dei 24 lavoratori, oltre che di tre dipendenti di una ditta appaltatrice. Alla manifestazione di oggi hanno preso parte anche i sindaci della zona, i sindacati, parlamentari e rappresentanti politici. "Noi chiediamo un incontro in Regione affinché si faccia da garante per la situazione - sottolinea Francesco Garau della Filctem - secondo noi la Polar che ha acquisito il ramo d'azienda non riesce a mantenere in piedi gli impianti. Noi sollecitiamo che la Regione faccia una nuovo bando per la concessione delle cave di bentonite in modo da tenere in esercizio lo stabilimento. Manterremo un presidio fino a quando non otterremo risposte". "Subito un intervento della Regione sulla vertenza Ssb, vicenda che ha visto alcuni operai perdere il lavoro - ha sottolineato Daniele Regionali, segretario del Pd di Carbonia-Iglesias -. Davanti a questo fatto è necessario che la Regione, deputata al rilascio delle concessioni, intervenga concretamente affinché sia fatta chiarezza. E porti avanti tutte quelle azioni e iniziative necessarie per trovare una soluzione che porti alla salvaguardia dei posti di lavoro".
"Quanto accaduto ai lavoratori della Ssb di Piscinas è grave e non può essere accettato. È necessario e doveroso che su questa vicenda intervenga immediatamente la Regione, l'istituzione che provvede al rilascio delle concessioni per questo tipo di attività. È indispensabile che chi opera garantisca i livelli occupativi. La Regione deve intervenire in maniera concreta non solo vigilando ma all'occorrenza revocando le concessioni nei casi in cui non siano rispettati i diritti dei lavoratori. Su questa vicenda serve una risposta immediata e concreta", lo ha dichiarato il deputato Pd Emanuele Cani. (ANSA) CAGLIARI, 17 AGO 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Iscriviti!! E' Gratis

Iscriviti attraverso il nostro servizio di abbonamento gratuito di posta elettronica per ricevere le notifiche quando sono disponibili nuove informazioni.
Pubblicità