NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo
06
Tue, Dec
56 Nuovi articoli

Narcao. Il fagiolo bianco della frazione di Terrase in mostra ad Algher

Stampa Regionale
Aspetto
Condividi

Il fagiolo bianco della frazione di Terraseo sarà in mostra ad Alghero per il primo convegno dei Comitati per la Biodiversità. Questo legume tipico è una delle eccellenze alimentari della Sardegna e qualche mese fa il ministero delle Politiche Agricole l’ha inserito nell’elenco nazionale dei prodotti tradizionali. Ad Alghero riceverà un riconoscimento più vasto perché sarà fra i prodotti significativi di questo primo convegno sulla Biodiversità. Appuntamento, quindi, il 5 ottobre nella città catalana, dove si riuniscono i comitati per le biodiversità, cioè degli organismi che da qualche anno si occupano di salvaguardare e valorizzare quei prodotti della terra a rischio di estinzione. L’incontro è organizzato dal Sut (Sportello unico territoriale) dell’agenzia Laore di Alghero. A presentare il fagiolo bianco di Terraseo sarà un gruppo di produttori di Narcao: Nicolò Pisci, Bruno Mei, Aldo Anedda e Gerardo Piras. «Saranno i nostri ambasciatori – conferma il sindaco Gianfranco Tunis – impegnati a promuovere una antichissima tradizione del nostro territorio. Sono anche i custodi della produzione del prezioso legume, la cui coltivazione viene tramandata di padre in figlio». . Oltre ad alcuni produttori della frazione, saranno presenti i rappresentanti del Comitato per la biodiversità del Sulcis “Antichi solchi”, piuttosto attivo nel territorio e protagonista di numerose iniziative nel Sulcis Iglesiente. In occasione del convegno si parlerà di tutti i prodotti tradizionali dell’agricoltura sarda a rischio di estinzione. Il fagiolo bianco di Terraseo sarà presentato anche come ingrediente base di alcuni piatti tipici della cucina sulcitana, patrimonio delle massaie locali. Saranno gli studenti dell’istituto alberghiero di Alghero a realizzare le ricette e proporle in degustazione a tutti gli ospiti del convegno. «Si tratta di un riconoscimento prestigioso per una specialità unica di Narcao – commenta l’assessore comunale all’Ambiente Danilo Serra – l’inserimentonell’elenco dei prodotti tradizionali, da parte del Ministero per le Politiche agricole , è avvenuto dopo un lungo iter promosso dal Comune di Narcao, supportato tecnicamente dall’antropologa Alessandra Guigoni, dall’Agris, da Laore e dall’Università di Sassari».
 La nuova sardegna.it

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Iscriviti!! E' Gratis

Iscriviti attraverso il nostro servizio di abbonamento gratuito di posta elettronica per ricevere le notifiche quando sono disponibili nuove informazioni.
Pubblicità