NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo
02
Fri, Dec
67 Nuovi articoli

Cagliari, rapina in banca: i malviventi si arrendono, ostaggi liberi.

Stampa Regionale
Aspetto
Condividi

"Erano armati di mazze e bastoni"Cagliari, rapina in banca: i malviventi si arrendono, ostaggi liberi. 'Erano armati di mazze e bastoni'. Si sono arresi i due malviventi che nel pomeriggio si sono asserragliati all'interno del Banco di Sardegna di via Giudicessa Benedetta a Cagliari. I banditi hanno tenuto per qualche ora in ostaggio diverse persone. Secondo quanto si apprende, i rapinatori avrebbero chiesto l'intervento del loro avvocato che avrebbe fatto da tramite per la resa. Gli ostaggi, due impiegati e probabilmente alcuni clienti dell'istituto di credito, sono usciti prima dall'ingresso principale. Subito dopo i due sono stati presi in consegna dai carabinieri che, con un'azione velocissima, come raccontano testimoni oculari a Tiscali, li hanno caricati su un'auto di servizio e portati via. Malviventi con armi e bastoni - Secondo quanto si apprende, i malviventi non avevano armi da fuoco ma mazze e bastoni. Subito dopo l'allarme, sulla zona sono piombati polizia e carabinieri, la zona è stata transennata e le persone invitate a non avvicinarsi. Il nastro di sicurezza è stato posto a protezione della zona, inibendo l'accesso da tutte le strade intorno.Una testimone, Gabriella Serci, proprietaria di un esercizio commerciale lì vicino, ha descritto una situazione di confusione intorno al Banco di Sardegna prima e durante l'operazione di arresto. "Ho visto i due uomini che sono stati caricati velocemente su un'auto dei carabinieri e portati via. Per fortuna si è risolto tutto senza brutte conseguenze".
Redazione Tiscali

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Iscriviti!! E' Gratis

Iscriviti attraverso il nostro servizio di abbonamento gratuito di posta elettronica per ricevere le notifiche quando sono disponibili nuove informazioni.
Pubblicità