NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo
03
Sat, Dec
62 Nuovi articoli

Cagliari. Nessun allarme terrorismo. I migranti non sfuggono a controlli

Stampa Regionale
Aspetto
Condividi

"Non c'è nessun allarme terrorismo, i piccoli sbarchi di migranti sulle coste meridionali della Sardegna, che avvengono con frequenza quasi settimanale in particolare nel Sulcis, vengono attentamente monitorati". Lo ha precisato all'ANSA il comandate della Capitaneria di porto di Cagliari, in riferimento all'ipotesi di infiltrazioni di jihadisti tra i profughi che approdano sull'isola, provenienti soprattutto dall'Algeria.

"Non c'è nessun allarme terrorismo, i piccoli sbarchi di migranti sulle coste meridionali della Sardegna, che avvengono con frequenza quasi settimanale in particolare nel Sulcis, vengono attentamente monitorati". Lo ha precisato all'ANSA il comandate della Capitaneria di porto di Cagliari, in riferimento all'ipotesi di infiltrazioni di jihadisti tra i profughi che approdano sull'isola, provenienti soprattutto dall'Algeria.

"Anche se arrivano in piccoli gruppi e tra loro ci possono essere migranti provenienti da zone definite calde - ha spiegato Roberto Isidori - non per questo sfuggono ai controlli e all'attività che viene eseguita in mare e a terra da parte delle forze di polizia. Non abbiamo segnali di infiltrazioni di soggetti pericolosi. La nostra funzione principale è quella del soccorso. La situazione - ha ribadito il comandante della Capitaneria - è controllata costantemente dalle istituzioni. Siamo tutti in stato di massima attenzione".

SATTA: BENE CAPITANERIA, EVITARE ALLARMISMI - "Ha fatto bene il comandante della Capitaneria di porto di Cagliari a precisare dopo le sue dichiarazioni di ieri. Serve vigilare, ma senza fare allarmismo. L'Italia è il confine meridionale dell'Europa, ma penso che intelligence e forze dell'ordine stiano facendo il massimo per evitare infiltrazioni di terroristi". Lo afferma Antonio Satta, segretario dell'Unione Popolare Cristiana (Upc). "Questo non toglie - sottolinea - che la Sardegna ha visto aumentare in modo esponenziale il numero di arrivi, e servirebbero anche più risorse per affrontarli".

PROFUGHI ARRIVATI A CAGLIARI SMISTATI IN CENTRI DELL'ISOLA - Sono finite a mezzanotte le operazioni di visita e identificazione dei 286 migranti arrivati ieri pomeriggio a bordo della nave militare spagnola Canarias, approdata al molo Rinascita di Cagliari. I migranti erano stati soccorsi due giorni fa a largo delle coste libiche. Protezione civile, Croce rossa, Asl, volontari, polizia e tutti gli enti coinvolti hanno lavorato ininterrottamente dalle 16, cercando di velocizzare al massimo tutte le operazioni, anche a causa della temperatura.

In serata, infatti, la Protezione civile ha distribuito 260 coperte. Quattro i profughi ricoverati in ospedale a causa di problemi di salute, molti, invece, i casi di scabbia, subito curati da Asl e Croce rossa. Al termine di tutte le operazioni i migranti hanno lasciato il porto per raggiungere le varie strutture di accoglienza presenti nella regione. Così 140 stranieri sono rimasti a a Cagliari, 85 sono stati trasferiti a Sassari, 25 a Oristano e 36 a Nuoro.

(ANSA) - CAGLIARI

 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Iscriviti!! E' Gratis

Iscriviti attraverso il nostro servizio di abbonamento gratuito di posta elettronica per ricevere le notifiche quando sono disponibili nuove informazioni.
Pubblicità