NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo
09
Fri, Dec
63 Nuovi articoli

Sanità- Regione. Niente ticket ma aumento Irpef Pronto ddl, si recuperano 210mln per coprire metà del disavanzo

Stampa Regionale
Aspetto
Condividi

Per ora niente ticket su farmaci ed esami, ma aumento a scaglioni dell'addizionale Irpef che sale sino a 3,33% per i redditi alti e per un tempo ridotto: tre anni. Il ddl della Giunta è pronto e farà incamerare 210 milioni di euro per coprire parte dei 400 mln di disavanzo della sanità: il piano di rientro arriverà sul tavolo dell'Esecutivo nella seduta di martedì 15.

E' quanto emerso dall'incontro fra l'assessore della Programmazione, Raffaele Paci, con i sindacati e gli imprenditori sulla Finanziaria 2016 da 6,628 milioni (128 milioni in più rispetto al 2015 per effetto delle maggiori entrate compartecipate già annunciate nel vertice di maggioranza).

Per coprire il resto dell 'buco' ci sono altri 128 mln del ciclo economico e scatterà una nuova spending review. "Non tocchiamo i redditi bassi perché - spiega Paci - l'addizionale Irpef resta al 1,23% per i redditi sotto i 15 mila euro, si arriva al 2,70% per i redditi sino a 28 mila euro, al 3,10 tra i 28 e i 55 mila euro e quindi al 3,33% sopra i 55 mila euro. Detto questo faremo di tutto per eliminare gli sprechi nella Sanità. Manteniamo i servizi e chiediamo ai cittadini più abbienti di contribuire". Il disegno di legge deve essere approvato entro il 31 dicembre perché l'aumento possa essere definito prima della scadenza fiscale.

"Sono provvedimenti necessari - chiarisce l'assessore - se vogliamo dare una svolta, risanare le casse della Regione devastate da anni di spesa fuori controllo e consegnare ai sardi una regione finalmente sana senza la zavorra di enormi debiti sulle loro spalle. Non possiamo più far finta di niente e lasciare che il dramma si autoalimenti e peggiori, chi ci ha preceduto ha lasciato il disastro e noi abbiamo il dovere preciso e non più rinviabile di intervenire per salvaguardare le future generazioni".

Secondo Paci "il Piano di rientro è indispensabile per evitare tagli nelle politiche della Regione che significherebbe per i sardi dover rinunciare a importanti interventi per la scuola e la ricerca, per lo sport, lo spettacolo, l'ambiente e la cultura, per fare solo alcuni esempi".

SINDACATI ALL'ATTACCO, PAGANO I SOLITI NOTI - Cgil, Cisl e Uil bocciano l'aumento dell'addizionale Irpef per coprire il buco da 400 milioni nella sanità sarda e chiedono alla Giunta regionale che a pagare siano anche le imprese con un ritocco dell'Irap e non "i soliti noti: i lavoratori e i pensionati". E' duro il primo giudizio sulle linee guida su Sanità e Finanziaria da parte dei confederali e dell'Ugl che attaccano: "i soldi per lo sviluppo non ci sono: è tutto rimandato alla spendita dei fondi comunitari".

"Siamo contrari a qualsiasi tassa di scopo visto che non siamo riusciti a dare risposte in tema di lavoro tanto da motivare l'aumento dell'addizionale Irpef - tuona Oriana Putzolu, segretaria generale della Cisl al termine della riunione - il buco è stato determinato da scelte populiste, dal sistema di clientele ed altro, ma a pagare saranno i cittadini. Questa manovra di bilancio è funzionale solo per contenere il disavanzo sanitario e per pagare le spese obbligatorie, mentre nulla c'è sulle politiche di investimento. Allo stato attuale, visto che non ci hanno fornito dati concreti, è un bilancio di lacrime e sangue".

"Una manovra deludente - sottolinea Michele Carrus, leader della Cgil - a cui è affidato il compito di risanare uno squilibrio della spesa sanitaria, mentre la massa manovrabile è inconsistente. Non vediamo esprimersi strumenti per lo sviluppo economico e occupazionale ma assistiamo solo ad una manutenzione dei conti con la prospettiva di due mesi di esercizio provvisorio. E anche questo è un problema".

Secondo Francesca Ticca, segretaria della Uil, "un'azienda come la Regione in un Paese normale avrebbe dichiarato il fallimento. Si fa un bilancio per coprire il buco nero della Sanità e si chiedono sacrifici ai sardi, cioè a chi non ha il lavoro. È una Finanziaria non fatta per i sardi, ma per rispondere solo a dati ragionieristici e ora dovranno convincere i sardi che devono pagare per il fallimento della gestione politica". Infine per Sandro Pilleri dell'Ugl "chi ha sbagliato deve pagare, invece di mettere le mani in tasca ai cittadini: questo è inaccettabile. La nostra è una bocciatura sulle linee guida ma attendiamo i dati concreti".

CAPPELLACCI, MENTRE GIUNTA PARLA SALTANO DUE TRAPIANTI - "Mentre la Giunta parla, straparla e sparla, accade che saltino due trapianti di rene al Brotzu, realtà oggi mortificata da una disattenzione politica, con blocco del turn over ed altre scelte miopi, che rasenta l'atteggiamento punitivo verso un'eccellenza di tutta la Sardegna". Lo denuncia Ugo Cappellacci, coordinatore regionale di Forza Italia, chiedendo all'Esecutivo di sostenere la "buona sanità" e non affidarsi solo a scelte di bassa ragioneria", riferendosi all'annuncio dell'aumento dell'Irpef per coprire una parte del disavanzo del settore.

"Così - spiega l'esponente dell'opposizione - non solo non si risparmia un centesimo, ma aumentano i costi e si crea un sistema in cui il diritto alla Salute non viene garantito, con una nuova crescita dei viaggi della speranza. Ci si è concentrati solo su una frettolosa fusione con l'oncologico e il Microcitemico, peraltro avvenuta solo a livello di pezzi di carta, e si è trascurato invece il punto focale dell'operatività di un ospedale di alta specializzazione".

Secondo Cappellacci, "sul tema della sanità interviene con una certa invadenza l'assessore al Bilancio: è evidente che non esiste una linea politica credibile su un tema fondamentale per la qualità della vita dei sardi. Ciò è ancor più grave nel momento in cui non sanno neppure fare i conti e sono costretti a scegliere tra ticket e aumento dell'addizionale dell'Irpef, facendo pagare ai sardi il prezzo del loro immobilismo e della loro inutile logorrea. Continuano a parlare di disastro del passato, ma nel passato abbiamo speso per acquistare strumenti avveniristici e per formare le equipe. I dati dimostrano che sono loro gli autori della rovina. Cambino rotta - attacca Cappellacci - o abbiamo il buon senso di tornare a casa".
ANSA CAGLIARI, 10 DIC

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna