NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo
07
Wed, Dec
64 Nuovi articoli

Buggerru. Ragazza rischia di annegare per salvare il fidanzato

Stampa Regionale
Aspetto
Condividi

Nonostante il segnale di pericolo per il mare mosso, una coppia di turisti ha rischiato di perdere la vita nelle acque di Cala Domestica a Buggerru. Lui, un ragazzo torinese si è immerso in mare nonostante la bandiera rossa in spiaggia sventolasse per tutta la mattina.

Nonostante il segnale di pericolo per il mare mosso, una coppia di turisti ha rischiato di perdere la vita nelle acque di Cala Domestica a Buggerru. Lui, un ragazzo torinese si è immerso in mare nonostante la bandiera rossa in spiaggia sventolasse per tutta la mattina. Il mare agitato ha messo in difficoltà il giovane richiamando l'attenzione della fidanzata, una ragazza di origini sarde, anche se vive a Torino con il compagno.
La donna ha cercato di immergersi per aiutare il compagno, ma è stata travolta dalle onde che l'hanno fatta schiantare sugli scogli. La donna è stata portata in salvo dai alcuni bagnanti e dai bagnini dello stabilimento di Cala Domestica che hanno avvertito subito il 118.
La donna ha sbattuto la testa contro gli scogli e ha perso i sensi. A salvarla è stato il coraggioso e pronto intervento dei bagnini che hanno sfidato il mare agitato e hanno riportato la donna a riva, anche se priva di sensi.
I volontari giunti sul posto hanno prestato i primi soccorsi alla turista che ha riportato diverse ferite alla testa. Sistemata in barella è stata caricata dentro l'ambulanza e trasportata all'ospedale Cto di Iglesias, ma le sue condizioni fortunatamente non sarebbero gravi.
Il fatto poteva avere dei risvolti peggiori e ha determinato la rabbia del titolare dello stabilimento balneare di Cala Domestica Luca Lisci.
«Anche dopo questo fatto, nelle ore seguenti alcuni bagnanti si sono immersi tranquillamente in acqua incuranti di quello che era successo, del mare molto mosso». Lisci ha espresso indignazione per il fatto che i bagnanti sembrano incuranti del segnale di pericolo che possono incontrare, ma anche di quello che potrebbero causare alle persone che tentano di salvare chi è in difficoltà. Sottovalutare i segnali come la bandiera rossa, che indica il divieto di entrare in acqua, può rivelarsi fatale.

(t.p.) La Nuova Sardegna

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Iscriviti!! E' Gratis

Iscriviti attraverso il nostro servizio di abbonamento gratuito di posta elettronica per ricevere le notifiche quando sono disponibili nuove informazioni.
Pubblicità