NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo
02
Fri, Dec
67 Nuovi articoli

Orani. Dalla Guinea al centro profughi di Sarule: Hassane ora debutta con l’Orani in seconda categoria

Stampa Regionale
Aspetto
Condividi

Il giovane scappato dall'Africa alla ricerca di un futuro migliore scenderà in campo domenica ad Atzara nella gara d’esordio del campionato di Seconda categoria. C'è anche un ragazzo della Guinea-Bissau nell'Orani che domenica debutta nel campionato di Seconda categoria, ad Atzara. Si chiama Hassane Beyla Korouma classe 1997. Hassane è uno dei tanti ragazzi scappati dall'Africa alla ricerca di un futuro migliore, che vive nel centro di accoglienza di Sarule. Era stato notato durante un allenamento l'anno scorso e quest'anno la società ha deciso di tesserarlo. Una bella storia quella di Hassane che grazie alla passione per il calcio può integrarsi nella comunità locale. Durante la preparazione Hassane, che parla francese, sta imparando anche l'italiano. Già in preseason si è ritagliato subito una maglia da titolare, segnando anche un gol nell'amichevole con il Santu Predu. Mister Pietro Canu lo schiera in difesa cercando di sfruttarne le qualità atletiche.

Hassane come tanti ragazzi africani non passa inosservato nelle strade di Sarule. Nato nella capitale Conakry, 19 anni, ama il calcio e la musica che ascolta con le immancabili cuffie e quello sguardo di chi sa di essere in un piccolo paese di un isola del Mediterraneo. Forse non quell’Eldorado che sognava quando è partito dal cuore dell'Africa, ma un posto dove l'accoglienza non si nega a nessuno. I compagni di squadra, nonostante le difficoltà linguistiche, lo fanno sentire a casa, ridono e scherzano. Antonio Tanda , un ragazzo di Sarule, lo accompagna agli allenamenti. Per lui giocare sulla terra battuta del comunale Nivola non è un sacrificio.
L'arrivo di Hassane è stato l'unico della squadra, che ha confermato i protagonisti della passata stagione, chiusa con un buon sesto posto: dal tecnico Pietro Canu al portiere Antonio Zori di Bitti, passando per Sergio Dessena e Mario Saba; rientrati anche i giovani Mauro Campus e Giuseppe Meloni, tra i locali restano i fratelli Rocca capitan Dessolis Francesco Bussu, Emiliano Silvas, i promettenti Alessandro Forno, Mattia Mou, Gianluca Bassu, Antonio Rocca Andrea Pireddu, Salvatore Brundu,Priamo Sechi Guido Daga, Gonario Mura, Salvatore Silvas Antonio Zirulia Francesco Mureddu; giovanissimo l’attacco con Giovanni Ortu e Simone Onida, 43 anni in due.
Il direttivo guidato da Antonio Zirulia, vice Federico Corrias, segretario Lino Carta e cassiere Francesco Scaglione, ha organizzato recentemente la festa del cinquantesimo compleanno della società con la partecipazione delle vecchie glorie. Un evento importante per la società, occasione per premiare allenatori e giocatori che hanno scritto le pagine più belle del club. Ora tutti tifano per Hassane, un migrante che vuole dare il suo contributo alla storia verdeazzurra per ripagare l'accoglienza ricevuta. E sognare di seguire le orme del connazionale Oumar Toure, un anno meno di lui ma che gioca nella Juve.

Priamo Marratzu - La Nuova Sardegna.it

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Iscriviti!! E' Gratis

Iscriviti attraverso il nostro servizio di abbonamento gratuito di posta elettronica per ricevere le notifiche quando sono disponibili nuove informazioni.
Pubblicità