NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo
03
Sat, Dec
61 Nuovi articoli

Renzi: "Pronti ad aiutare ma Marino dia un segnale". Il sindaco di Roma prepara la nuova giunta. Sel: siamo fuori

Stampa Nazionale
Aspetto
Condividi

Matteo Renzi a sorpresa alla festa dell'Unità a Roma. "Ignazio Marino sa che il Pd sta facendo tutti gli sforzi per dargli una mano. E sa che il Governo è pronto a continuare a collaborare con dedizione e tenacia. Adesso tocca a lui però presentare progetti credibili e concreti, dalla visione strategica fino alle buche per le strade o alla pulizia dei tombini quando piove. Decida l'Amministrazione Comunale su quali progetti coinvolgere i cittadini e chiamare a raccolta le Istituzioni, a cominciare dalla Regione, il cui Presidente già in più occasioni si è mostrato sensibile e attento". Così il premier Matteo Renzi in una lettera al Messaggero, in apertura di prima pagina del quotidiano. "Roma ha eletto un Sindaco, appena due anni fa. A lui oneri e onori. Il Pd capitolino, ben guidato in questa fase di commissariamento da Matteo Orfini, ha un obiettivo unico e semplice: dare una mano a Roma. Non ci interessa puntellare una Giunta, fare un rimpasto, scambiare poltrone", scrive Renzi. "Tocca al Sindaco, adesso, nessuno può sostituirsi. Se ne sarà capace, avrà il nostro appoggio". "Noi ci siamo. Siamo pronti sul Giubileo, siamo pronti sulle Olimpiadi, siamo pronti sulle infrastrutture, siamo pronti sulle periferie, siamo pronti sulle aziende partecipate. Purché dal Comune arrivino proposte, non polemiche a distanza", sottolinea Renzi."Siamo disponibili a verificare i progetti che la città vorrà proporci, siamo pronti a studiare tutte le soluzioni praticabili per rilanciare Roma. Ma il Sindaco dia un segnale! E si interrompano una volta per tutte le manovre di piccolo cabotaggio figlie di una cultura politica vecchio stampo, che dovrebbe essere superata". "Non siamo soddisfatti dell'incontro con il sindaco Marino. Allo stato attuale siamo fuori dalla giunta". Lo ha annunciato il coordinatore romano di Sel Paolo Cento al termine del vertice in Campidoglio con il sindaco di Roma Ignazio Marino."Proporremo questa linea anche agli ordini dirigenti - ha aggiunto - Noi continuiamo a servire Roma anche in Consiglio comunale, le poltrone le lasciamo al monocolore del Pd che se ne dovrà assumere le responsabilita'"."Abbiamo offerto la massima disponibilità su nomi di alto livello con una proposta aperta. E' evidente che la questione del vicesindaco è tutta legata al tema dell'alleanza con il Partito democratico in questa città. Se il Pd vuole far saltare il centrosinistra a Roma se ne assume la responsabilita'", ha aggiunto Cento. "Rimangono aperte questioni sul programma e soprattutto sul rapporto con il Governo per quanto riguarda i soldi per Roma e la relazione del ministro Alfano.Senza la soluzione di questi nodi non si può parlare di fase nuova della città -ha spiegato-. Con il Pd si apre una fase di competizione in questa città e se non vengono sciolti questi nodi con il sindaco Marino manterremo un rapporto di verifica delibera per delibera".

red, Tiscali

 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Iscriviti!! E' Gratis

Iscriviti attraverso il nostro servizio di abbonamento gratuito di posta elettronica per ricevere le notifiche quando sono disponibili nuove informazioni.
Pubblicità