NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo
04
Sun, Dec
55 Nuovi articoli

Poste Italiane: fatturato e risultato operativo in crescita

Stampa Nazionale
Aspetto
Condividi

Il Consiglio di Amministrazione di Poste Italiane, presieduto da Luisa Todini, ha approvato la Relazione Finanziaria Semestrale al 30 giugno 2015, la domanda di ammissione a quotazione a Borsa Italiana e la proposta all’Assemblea per l’adozione del nuovo Statuto.Francesco Caio, Amministratore Delegato e Direttore Generale, ha così commentato: “E’ un momento importante nello sviluppo di Poste Italiane. Da una parte il piano industriale inizia ad avere impatti positivi sull’andamento economico dell’azienda che nei primi sei mesi registra rispettivamente ricavi in crescita del 7% e risultato operativo del 26%; dall’altra con la delibera di oggi si apre la fase esecutiva sul processo di quotazione cui il gruppo si sta preparando in stretta condivisione con il Governo. 

I risultati del primo semestre sono incoraggianti in tutti i settori: le assicurazioni registrano una significativa crescita di ricavi e margini; i servizi finanziari chiudono i primi sei mesi con il margine in crescita; i servizi postali, per la prima volta dopo anni, rallentano la flessione dei ricavi della corrispondenza, mentre continua la crescita di volumi e ricavi nei pacchi. Gli investimenti in innovazione, qualità e digitale, permetteranno un significativo miglioramento nei servizi al cliente.
• Ricavi totali: €16 miliardi, +7% (€15 miliardi al 30.06.2014)
• Risultato operativo:€638 milioni, +26% (€506milioni al 30.06.2014)
• Utile netto:€435 milioni (€222 milioni al 30.06.2014)
• Masse gestite/amministrate: €469 miliardi, +1,5% (€462 miliardi a fine 2014)
• Raccolta diretta Bancoposta: €45 miliardi, +2,7% (€44 miliardi al 30.06.2014)
• Raccolta premi Poste Vita €9,4 miliardi, +15% (€8,2 miliardi al 30.06.2014)
• Ricavi per corrispondenza: -6,5%, rallentamento del calo (–9% al 30.06.2014)
L’andamento dei primi sei mesi, le azioni manageriali avviate, nonché le attività di innovazione e sviluppo intraprese ci rendono fiduciosi sulla seconda metà dell’anno.
I risultati del secondo semestre, così come nel 2014, potranno risentire degli oneri derivanti dal processo di trasformazione definito nel piano industriale.

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Iscriviti!! E' Gratis

Iscriviti attraverso il nostro servizio di abbonamento gratuito di posta elettronica per ricevere le notifiche quando sono disponibili nuove informazioni.
Pubblicità