NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo
04
Sun, Dec
55 Nuovi articoli

No Expo, i black bloc devastano Milano: petardi contro la polizia e auto in fiamme

Stampa Nazionale
Aspetto
Condividi

Un pomeriggio di violenza e devastazione a Milano. Il corteo No Expo partito da piazza XXIV maggio, dopo un avvio pacifico e a suon di musica, è poi degenerato in una serie di scontri cominciati intorno a via Carducci, e proseguiti per molto tempo tra alcune delle vie più note del centro meneghino, come corso Magenta e via Conciliazione. Alcuni manifestanti, identificati come Black Bloc, hanno letteralmente devastato automobili, molte sono state date alla fiamme, e anche negozi, banche, abitazioni. Il fumo nero, misto ai gas lacrimogeni, ha invaso le strade e lunghe colonne si sono levate sinistre nel cielo sopra la città. Alla fine il bilancio dei numeri è di 11 feriti tra le forze dell'ordine e di 10 antagonisti accompagnati in Questura (uno è stato fermato in flagranza da due agenti in borghese in mezzo ai tafferugli). Le immagini da Milano (FOTO).video correlato Attacco Black bloc video correlato Lacrimogeni della polizia video correlato Le macchine in fiamme Bottiglie incendiarie contro le forze dell'ordine - Da più fonti è poi confermato che i dimostranti violenti hanno fatto ampio ricorso a bottiglie incendiarie, oltre che a lanciare bombe carta, razzi pirotecnici e pietre grosse come un pugno contro gli schieramenti delle forze dell'ordine che impedivano che il corteo potesse uscire dal percorso che era stato autorizzato dalla Questura. Da quanto si può ricostruire nelle prime ore, proprio l'impossibilità di deviare dal percorso stabilito per puntare verso piazza Duomo sarebbe stata la causa dello scoppio delle violenze. Il corteo principale, che era stato nei fatti poi diviso in tre diversi tronconi, è giunto in zona Pagano, dove era previsto lo scioglimento e la maggior parte dei manifestanti ha lasciato l'area. Restano i timori per ciò che le frange più violente potrebbero organizzare in vista della rappresentazione della Turandot al Teatro alla Scala questa sera, ma la Questura ribadisce di avere impedito ai violenti di avvicinarsi alle zone sensibili del centro storico, che restano blindatissime in vista dell'evento mondano.Mattarella e Renzi condannano le violenze - Il presidente della Repubblica Sergio Mattarella e il premier Matteo Renzi condannano fermamente le violenze dei black bloc a Milano. "Violenza tanto più esecrabile - ha detto il capo dello Stato - in quanto rivolta contro un evento che ha come obiettivo la nutrizione del pianeta, la lotta alla fame e alla denutrizione e un ordine mondiale fondato su una maggiore equità tra i paesi ricchi e quelli in via di sviluppo". Il Capo dello Stato, nell'auspicare che i responsabili siano al più presto assicurati alla giustizia,ha dato la sua piena solidarietà alle forze dell'ordine e ai cittadini di Milano, "vittime di pesanti danneggiamenti". In sintonia con il presidente della Repubblica la presa di posizione di Palazzo Chigi che, nel sottolineare come il volto autentico di Milano sia quello, positivo, nobile e bello, dell'apertura dell'Expo al Mondo, avverte: il lavoro per questa manifestazione "non sarà insultato dai violenti e da questi vigliacchi incappucciati". Anche dal governo arriva la solidarietà alle forze dell'ordine.Pisapia: "Milano devastata, vanno puniti" - Per il sindaco di Milano, Giuliano Pisapia, si dovrebbe "isolare, individuare, punire senza se e senza ma i delinquenti che stanno devastando Milano".Maroni: "Imbecilli violenti finiscano in galera" - "Pieno sostegno alle forze dell'ordine che stanno fronteggiando a Milano la guerriglia urbana scatenata da imbecilli violenti che devono finire in galera": così il presidente della Regione Lombardia Roberto Maroni commenta su twitter quanto accaduto al corteo May Day-No Expo di Milano.Salvini contro Alfano: "Deve dimettersi" - "Alfano si dimostra ancora una volta incapace - attacca Matteo Salvini - si dovrebbe dimettere. Da milanese mi piange il cuore, sopratutto perchè nel frattempo c'è mezzo Governo a farsi fotografare". "Mi auguro che quelli che vengono arrestati per le violenze e le devastazioni a Milano paghino di tasca loro i danni. Vedere i danni che questi stanno facendo mi fa rabbia - aggiunge il leader della Lega - mi auguro che i balordi passino qualche settimana in galera".Milanesi in strada a ripulire i danni - Intanto hanno già iniziato a ripulire e sistemare da soli, diversi titolari e dipendenti di bar e negozi danneggiati dall'azione dei black bloc. In zona Cadorna, in particolare, sui marciapiedi - con guanti e scope - stanno raccogliendo vetri e spazzatura, riposizionando i cestini dei rifiuti.
Redazione Tiscali01 maggio 2015

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Iscriviti!! E' Gratis

Iscriviti attraverso il nostro servizio di abbonamento gratuito di posta elettronica per ricevere le notifiche quando sono disponibili nuove informazioni.
Pubblicità