NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo
12
Tue, Dec

XIX Domenica (anno liturgico A) . Gesù, dove sei …?! Salvaci !

Il Vangelo della Domenica
Aspetto
Condividi


Già dal Catechismo della Ia Comunione abbiamo imparato che Dio è in cielo, in terra e in ogni luogo; il poeta Metastasio cantava: Ovunque il guardo giro, immenso Dio, ti vedo: nell'opre tue t'ammiro, ti riconosco in me. La terra, il mar, le sfere parlan del tuo potere: tu sei per tutto; e noi tutti viviamo in te.
Creazione e Redenzione Quante volte, contemplando la natura, o vedendoci nella nostra intelligenza e in come siamo fatti, riconosciamo le meraviglie di Dio Creatore e di Gesù Salvatore. Riconosciamo che Dio è presente, ci parla ed agisce nella voce della nostra coscienza, nelle parole del Vangelo, nell'amministrazione dei Sacramenti, nella parola e nei gesti di chi ci vuole bene e di chiunque ci dice la verità.
Le difficoltà della vita Ci sono però momenti di tristezza, di dolore, di ingiustizie subite, di palese cattiveria, in cui, come i discepoli quella notte sul lago, ci vediamo in balia delle onde e ci viene da gridare: Gesù, dove sei?! Facciamo naufragio! Siamo perduti ! Signore, salvaci!
Gesù Salvatore Riflettendo, parlando, pregando, ci sentiamo rassicurati da Gesù, ancora come quella notte i discepoli: Ci sono io; non abbiate paura! Potrà accadere che si rinnovi il dramma del Venerdì Santo, l’Innocente condannato a morire su una croce, ma, per nostra somma fortuna, seguirà il mattino di Pasqua. Per questo, nonostante tutte le tempeste della vita , Gesù è il salvatore.
In conclusione Nella creazione e al tempo dei profeti, nella vita terrena di Gesù e nella storia della Chiesa, si sono verificati eventi prodigiosi, rivelando la presenza di Dio per salvare l’umanità. Certi di queste verità, pur nelle diverse difficoltà e drammi dell’esistenza, vinceremo la tentazione di vederci completamente soli e di perdere la fede; concluderemo la nostra giornata come il santo papa Giovanni XXIII: "Signore, lo so che tu ci sei; tu lo sai che io ci sono"! Signore, l’umanità e la Chiesa sono anche tue! In tal modo vivremo un po’più sereni. Amen!

Padre Nicola, sacerdote Redentorista