NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo
09
Fri, Dec

Iglesias. Entro agosto le pratiche si gestiranno on line Servizi sociali, in arrivo l’informatizzazione

S.I. Oggi
Aspetto
Condividi

Circa quattromila persone da aiutare con 11 milioni di euro all’anno: è questa la mole di lavoro che gestisce il Settore dei Servizi sociali del Comune di Iglesias, uno dei più delicati per la città che è sotto una delle crisi economiche più gravi della sua storia.
Per rendere più efficiente la risposta adesso interviene l’informatica: in Via Argentaria 14 arriverà un sistema simile a quello che organismi come la Caritas utilizzano ormai da dieci anni. Entro agosto tutti i dati degli assistiti convergeranno in un database dove basterà un click del mouse per conoscere sia la situazione del caso, sia lo stato della pratica.
L’operazione è stata presentata l’8 febbraio in una conferenza stampa. “L’informatizzazione del Settore – ha chiarito l’assessore alle Politiche sociali Alessandra Ferrara – servirà a migliorare sia il lavoro degli Uffici, sia a fornire una verifica istantanea certa agli utenti. Gli operatori potranno accedere direttamente all’archivio dove comparirà la storia completa dell’assistito: dallo stato di famiglia agli eventuali contribuiti di cui è beneficiario”. Finora al Comune di Iglesias gli uffici hanno lavorato per area di competenza, per risalire alla situazione della persona era necessaria una comunicazione fra le diverse sezioni. “Pure i cittadini – prosegue – potranno controllare on line a che punto è la loro pratica, dove si è fermata o se il mandato alla banca è stato emesso. Inoltre l’amministrazione avrà a disposizione un quadro esaustivo delle necessità espresse dalla città e potrà intervenire con azioni mirate zona per zona. Siamo uno dei pochi Comuni in Sardegna che dispone nel bilancio anche delle risorse proprie per i Servizi sociali”.
Il personale degli uffici è al lavoro per caricare i dati. “Per ora – ha spiegato Roberto Alba, responsabile del Settore informatico – sono state immesse 1.850 anagrafiche, circa due terzi del totale”. Riguardano sia i servizi a domanda individuale come mensa scolastica, rette per case di riposo, asili o scuola materna, sia i contributi per le povertà estreme, assistenza domiciliare che le altre forme di intervento erogate. “L’informatizzazione – prosegue – è un obbligo di legge e da agosto la normativa impone di fornire il servizio on line ai cittadini”. A breve sarà tutto nel portale web del Comune. “Le persone potranno accedere alla sezione o con una password o con la carta di identità elettronica o tramite tessera sanitaria. Tutto naturalmente nel rispetto della privacy. Chi non possiede internet o non ha la disponibilità di un computer, comunque potrà recarsi in via Argentaria e utilizzare le postazioni gratuite dell’Informagiovani. Ma il database sarà utile anche per una pianificazione di politiche e risorse perché consente di estrapolare i dati delle situazioni e si collegherà anche al sistema Gis”.
Nel sistema a cui Iglesias sta lavorando da due anni convergono gli archivi di catasto, Tributi e informazioni geospaziali che saranno utili per la costruzione del Puc, ma anche per stabilire in quali aree della città sono più concentrati determinati problemi e modulare interventi. “Si potrà avere una lettura corretta dei bisogni – ha concluso il dirigente Paolo Carta – ed evitare anche degli errori di sovrapposizione degli interventi oltre che avere una idea chiara della gestione, giorno per giorno”.

Miriam Cappa

Sulcis Iglesiente Oggi