NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo
08
Thu, Dec

Carloforte. Successo per il nuovo museo nella torre San Vittorio

S.I. Oggi
Aspetto
Condividi

Un successo. Chi lo visita, alla fine del giro (perché davvero un giro si fa) ne esce soddisfatto e contento. Il nuovo museo realizzato nell’antica torre San Vittorio, (già sede di un osservatorio astronomico) inaugurato una ventina di giorni fa, sta ottenendo il favore del pubblico che durante i fine settimana fa ressa al botteghino per visitarlo. Il percorso museale è articolato in tre momenti, uno per ogni piano della torre. Si parte dalla storia geologica dell’isola, si passa poi attraverso il ruolo e l’impatto delle antiche civiltà per concludersi con l’arrivo dei coloni tabarchini nel 1738. Il tutto attraverso un allestimento ultramoderno con avanzate soluzioni tecnologiche: video interattivi e percorsi in realtà virtuali, tutti con un effetto scenico che fa presa sul visitatore. Bellissimi i video, in particolare quello del monaco che racconta la tragica fine della crociata dei fanciulli (due navi erano naufragate proprio sull’isola) e quello dei primi tabarchini sull’isola sotto la guida del loro condottiero Agostino Tagliafico. Inquadrature superlative e magici colori. C’è poi da aggiungere che una visita al museo è anche una visita (spettacolare) alla torre settecentesca riportata (da tempo) tale e quale alla sua antica e originale situazione, con i suoi pavimenti in ciottoli, le pareti in pietra nuda e un’audace (per quei tempi) scala a chiocciola con i sostegni in ginepro. E alla fine del “giro” ci si trova sul tetto della torre dove dall’alto si gode un panorama mozzafiato a 360 gradi: le saline, il porto, il centro abitato. Da un percorso museale non ci si può aspettare di più.

Nicolo Capriata 

Sulcis Iglesiente Oggi