NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo
09
Fri, Dec

Iglesias. Convegno all’Archivio Storico,L’arte di Don Allori

S.I. Oggi
Aspetto
Condividi

In occasione dell’annuale convegno per ricordare il genetliaco di don Pietro Allori, l’Associazione Artistico Culturale “Pietro Allori” di Iglesias ha proposto sabato 14 maggio, nella sala conferenze dell’Archivio Storico Comunale, la presentazione del libro “L’arpa di Davide. Scritti musicali di padre Fernando Vittorino Joannes” (PFTS University Press, pp. 400, 2015), curato da Daniele Vinci, associato di Filosofia Teoretica presso la Pontificia Facoltà Teologica della Sardegna.
Dopo l’introduzione di Giovanna Chessa, presidente dell’associazione, Daniele Vinci ha presentato il volume da lui curato, esplorandone il contenuto dei numerosi scritti, in gran parte inediti, che Fernando Vittorino Joannes ha dedicato alla musica durante l’ultimo periodo della sua vita. Dall’opera emerge un originale viaggio musicale che dal Medioevo giunge sino alla nostra contemporaneità, nel felice incontro tra la competenza musicologica di padre Vittorino e la sua vasta erudizione, la fine sensibilità spirituale e, non da ultimo, il raffinato stile di scrittura. Il volume è arricchito da numerose immagini che fanno da contrappunto al testo: l’appendice fotografica a colori, attraverso la testimonianza di volti e luoghi significativi, documenta visivamente il contesto vitale nel quale questi testi sono nati.
Durante il suo intervento, Vinci ha ripercorso la vita di Fernando Vittorino Joannes (1931-2012), francescano, teologo, liturgista e attivo promotore del dialogo ecumenico; autore prolifico, la sua sterminata biblioteca è ora consultabile, come Fondo Johannes, presso la Biblioteca della Pontificia Facoltà Teologica della Sardegna. Seppure vivesse e operasse a Milano, padre Joannes visse un rapporto intimo e fecondo con la Sardegna, frequentandola assiduamente, come testimoniato nella ricca appendice. Da San Pietro di Sorres a Iglesias, padre Vittorino ebbe modo di amare l’Isola e fu un sincero estimatore della musica di don Allori, per quanto i due non ebbero mai occasione di conoscersi personalmente. Quella tra Allori e Joannes fu una relazione intellettuale nata grazie all’ascolto delle composizioni del Maestro sardo eseguite dal Coro dell’Università Cattolica di Milano, diretto da Angelo Rosso. Come Fernando Vittorino Joannes ebbe modo di scrivere, egli apprezzava nelle composizioni di don Allori quella “preziosa indicazione storica, estetica, ma anche e soprattutto, quella indicazione della funzione spirituale della musica liturgica, intesa come continua penetrazione del Mistero Liturgico”. Nell’aprile 1995, nel decennale della morte di don Allori, un convegno lo celebrò a Milano, in quell’occasione Joannes presentò un cd di esecuzioni delle opere del musicista sardo; in quello stesso mese, per la Domenica delle Palme, padre Vittorino commentò a RadioTre i Responsori composti da don Allori per quel momento liturgico. Copia di quella trasmissione è stata offerta a chi ha acquistato il libro. La serata si è infine conclusa con un programma al pianoforte di musiche di don Allori e Bach, eseguite dal Maestro Marcello Melis.

Giampaolo Atzei

Sulcis Iglesiente Oggi