NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo
04
Sun, Dec

Carloforte. Delcomar sospende la tariffa “residenti in Sardegna” Una petizione per la vera continuità con l’isola

S.I. Oggi
Aspetto
Condividi

La questione è annosa e dibattuta da sempre. Lo è stata prima, durante la gestione Saremar, ed ora sotto l’amministrazione Delcomar è riesplosa con vigore: perché i carlofortini che sono residenti in altre città soprattutto per motivo di lavoro, ma che sull’isola possiedono immobili (per i quali pagano anche le tasse comunali), che vi hanno affetti familiari, sono costretti a pagare sulle navi che la collegano, la tariffa da non residente? Così su change.org è stata caricata la petizione on-line per chiedere all’Assessorato regionale ai Trasporti di equiparare la tariffa residente a chi possiede immobili sull’isola. In pochi giorni ci sono state centinaia di adesioni. Ad innescare questa nuova protesta è stata la decisione della Delcomar di sospendere dal 27 giugno e fino al 15 settembre la tariffa “residenti in Sardegna” che la stessa compagnia autonomamente negli anni scorsi ha sempre praticato nelle corse serali e notturne su Calasetta. Intanto l’amministrazione comunale ribadisce da parte sua che da tempo (dal maggio scorso) ha chiesto alla Regione di equiparare la tariffa residente anche a chi a Carloforte è nato, possiede immobili e pure a chi ha stipulato un contratto d’affitto di almeno 12 mesi per una casa situata sull’isola.
Due anni fa una stessa petizione on-line in pochissimo tempo aveva raccolto oltre 5000 firme. Naturalmente, allora, la Regione aveva fatto orecchie da mercante, nonostante che da più parti e da sempre venga decantata la continuità territoriale. Resteranno ancora inascoltate queste nuove e sacrosante richieste? O la tanto magnificata continuità territoriale sarà ancora una volta solamente parole?

Nicolo Capriata

Sulcis Iglesiente Oggi