NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo
09
Fri, Dec

Artigiani e vecchi mestieri. La torrefazione di Porceddu in piazzetta Martini.

S.I. Oggi
Aspetto
Condividi

È invitante e non può non attirare l’attenzione di chi passa, l’aroma del caffè appena tostato che si diffonde per tutta la piazza Martini, la via Commercio di Iglesias, e che proviene dal negozio, appunto denominato “La Torrefazione”. L’attività, il cui titolare è l’iglesiente Angelo Porceddu, ha avuto inizio nell’aprile del 1970 e, già da allora, non solo si vendeva il caffè sfuso, appena tostato ma, nel negozio che sembra farci ritornare indietro nel tempo, si potevano acquistare dolcetti vari, caramelle, cioccolatini, the e tisane di svariate marche, vini e liquori: questi ultimi sardi, come il mirto, il limoncello, il Villacidro Murgia e vari tipi di acquavite, cioè le grappe che, in Sardegna, portano il nome generico di “filu e’ferru”.
“Quando girava più moneta rifornivo , all’ingrosso, tutto il circondario - precisa il titolare - e anche le mense e gli spacci delle miniere, compresi quelli di Malacalzetta e Arenas: facevo il giro, due volte alla settimana, con la mia auto carica di chili e chili di caffè e tutti i negozi lo macinavano con l’apposito apparecchietto, azionato a mano, per venderlo, poi, sfuso, confezionato in bustine, in quantità differenti, a seconda della richiesta del cliente”. Tra le varie leccornie che deliziano il palato, alla “Torrefazione” si possono trovare dolcezze che non si trovano nei centri commerciali a grande distribuzione: tra queste meritano di essere citate le famose “nougattine”, della marca “Venchi”, cioè caramelle il cui ingrediente principale è il croccante-nocciola “Piemonte” caramellato, ricoperto di cioccolato extrafondente ma, i più golosi, non possono restare indifferenti al vasto assortimento di cioccolatini ripieni di liquore, di frutta e di creme varie. Molte sono, poi, le miscele di caffè offerte: caffè famiglia, miscela bar, arabica al 100%, come diversi sono i decaffeinati che, naturalmente, non hanno solventi chimici. “Il caffè arriva crudo - spiega Angelo Porceddu - e proviene dall’America Centrale, dalla Colombia, dal Brasile: qui viene effettuata la tostatura e vengono create, poi, le varie miscele. Il decaffeinato arriva, invece, da un impianto di Parma specializzato in questi procedimenti particolari”.
La “Torrefazione” ha la sua clientela abituale, amante dei prodotti genuini come quelli di una volta ma è visitata anche da turisti e persone di passaggio che acquistano prodotti tipici sardi, soprattutto vini e liquori, da portare via, come souvenir, per poterli apprezzare e gustare nelle loro località di provenienza con parenti e amici.

Mariangela Muntoni

Sulcis Iglesiente Oggi