NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo
03
Sat, Dec

Milano. Uno stile di consumo sostenibile, proposto anche da Papa Francesco. Sharing economy, questa sconosciuta!

S.I. Oggi
Aspetto
Condividi

La moda dei termini in inglese non risparmia l’economia, che anzi, forse più di altre discipline, esprime i suoi concetti mantenendo spesso la denominazione anglosassone. È il caso anche della “sharing economy”, termine di cui gran parte della popolazione italiana non ha mai sentito parlare. Questo almeno è quanto rivela una ricerca realizzata da Altroconsumo, presentata in vista di #ioCondivido, il primo Festival della sharing economy che si terrà a Milano il 24 e il 25 settembre. Lo studio rivela che oltre la metà degli intervistati non l’ha mai sentita nominare, mentre l’altra metà la conosce ma è diffidente e restia ad usarla. Vediamo dunque cosa si intende per sharing economy.
Partiamo da un presupposto fondamentale: nell’era di internet, l’economia non può non adattarsi ai cambiamenti, anzi proprio l’economia è obbligata a stare al passo coi tempi, è chiamata ad aggiornarsi continuamente, seguendo quelli che sono i nuovi stili dei consumatori. Ecco, dunque, che la sharing economy non è altro che un’evoluzione dell’economia del consumo che segue le nuove tendenze del mercato, riconoscendo in questo modo che essa per prima è una disciplina sempre viva, che risponde alle sollecitazioni del mondo esterno. Oggi si parla tanto di sostenibilità, reciprocità, rispetto dell’ambiente, lotta agli sprechi e tutti siamo invitati ad avere rispetto non più solo del prossimo, ma anche del creato che ci ospita e di tutto ciò che esso produce. L’uomo si è reso conto che non è il solo abitante della Terra: prima di lui, ma soprattutto dopo di lui, altri la abiteranno e lo faranno convivendo con miliardi di altre persone. È quindi arrivato il momento, prima che sia troppo tardi, di invertire la rotta e fare in modo che tutti, anche nel loro piccolo, soddisfino i loro bisogni, ma lo facciano in modo che l’ambiente venga rispettato, evitando lo spreco di risorse e, perché no, magari anche riuscendo a fare tutto ciò risparmiando sulle spese. La sharing economy fa riferimento a tutto questo e a molto altro ancora. Non è facile dare di essa una definizione senza trascurarne qualche aspetto. In generale, possiamo dire che l’economia della condivisione è un modello costituito da diversi elementi caratterizzanti, i più importanti dei quali sono la condivisione dei beni e servizi, la fiducia e l’aspetto relazionale. La sharing economy mette in relazione persone o organizzazioni in uno scambio alla pari, promuovendo forme di consumo più consapevoli basate sul riuso e la condivisione piuttosto che sull’acquisto e sulla proprietà degli stessi beni e servizi scambiati. L’esempio più noto è quello dello “car sharing”, la condivisione della macchina: più persone, anche sconosciute, ma che devono percorrere la stessa distanza in macchina, in cambio di un contributo per carburante e spese autostradali, si mettono d’accordo per viaggiare insieme. Esattamente quello che dice Papa Francesco nella sua Laudato si’. Nell’enciclica, il Pontefice auspica il raggiungimento di uno “sviluppo sostenibile e integrale” attraverso piccoli accorgimenti o “semplici gesti quotidiani” come “spegnere le luci inutili” o fare la raccolta differenziata, invitando, tra le altre cose, anche a "condividere un medesimo veicolo tra varie persone".
Il festival #ioCondivido nasce proprio dall’esigenza di far conoscere a quante più persone possibile, iniziando dalle più diffidenti, i vantaggi e le potenzialità di un modello economico, nato grazie al progresso tecnologico, ma capace di rispondere efficacemente alle sfide della crisi promuovendo forme di consumo più consapevoli.

Annalisa Atzei

Sulcis Iglesiente Oggi