NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo
03
Sat, Dec

Iglesias. Consiglio Comunale. Sanità, il territorio pronto alla marcia su Cagliari

S.I. Oggi
Aspetto
Condividi

Un appello per la partecipazione del territorio e della città in massa alla manifestazione in programma per il 27 ottobre a Cagliari e un documento votato all’unanimità dal Consiglio comunale che chiede in sostanza che anche il Cto funzioni a pieno ritmo e non chiuda a fine settimana: ecco i passi che Comitato Uniti per la Salute e istituzioni preparano per la Sanità.
I problemi sono quelli che coinvolgono l’Isola dove è in corso la riorganizzazione dei servizi con centro nella Asl unica a Sassari e nel privato Mater Olbia. Una situazione definita “urgente” anche per il sindaco di Iglesias Emilio Gariazzo, unico a finora a sostenere il piano.
“Non è una guerra di campanile – ha chiarito la prima firmataria Gianfranca Mannu (FI) – ma per la salvezza e ottenere condizioni fatte su scelte equilibrate per tutti. Il pericolo adesso è che il nuovo manager della Asl unica veda i numeri e chiuda tutto. Il centro trasfusionale, senza senso, è stato trasferito al Sirai che aveva un bacino di utenti inferiori e il punto nascite fino al 30 agosto ha trattato 320 parti. Dovrebbero essere almeno 500 per la legge per essere in sicurezza. I bambini ci sono ma le donne preferiscono Cagliari, in cui la struttura è ormai intasata”.
In Consiglio comunale, in cui l’accordo su tre mozione, presentate dalla minoranza è arrivato a mezzanotte. Come ha ricordato Alberto Cacciarru (Pdci) anche il dibattito in sala Lepori promosso dal Comitato Uniti per la Salute si chiedono 9 punti: ospedale aperto a tempo pieno, presenza costante di un cardiologo, ripristino dei posti letto per post acuti, entrata in funzione della centrale del gas medicale e delle sale operatorie anche di Oculistica (reparto ora è bloccato), reintegro del tecnico di laboratorio analisi nel centro trasfusionale a Iglesias (adesso i campioni di sangue viaggiano impegnando ambulanze), servizio psicosociale e un piano di prevenzione e trattamento dei tumori al seno efficace. Il quadro dipinto da chi è stato in ospedale non è confortante: il personale opera in condizioni estreme, non si capisce quali servizi funzionino e operatori e pazienti fanno il ping pong fra Sirai e Cto senza risultato.
“Le persone si lamentano per la strada – ha chiarito Paolo Deriu, del Tribunale del malato – le persone si lamentano per la strada ma quando devono andare da chi è in grado di cambiare le condizioni perché deve fare le leggi c’è un fuggi fuggi”.
Per cui l’invito del Comitato è ancora al popolo, per partecipare in massa alla manifestazione in programma il 27 ottobre a Cagliari. “Non deve essere una guerra né fra poveri, né di campanile, la Sanità è di tutti non solo di chi può pagare, dobbiamo impedire che questa Riforma passi in Consiglio regionale e diventi legge, essere compatti col resto della Sardegna che protesta, anche le istituzioni che ci rappresentano. O fra poco non ci saranno neanche più ambulatori”.
Miriam Cappa

Sulcis Iglesiente Oggi