NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo
04
Sun, Dec

Iglesias. Contest fotografico al Museo dell’arte mineraria

S.I. Oggi
Aspetto
Condividi

Dalle esposizioni virtuali a quelle reali: sabato 1 ottobre al Museo dell'Arte Mineraria di Iglesias è stata inaugurata la mostra del contest fotografico #unaminieradicreatività, tenutosi sui social nella scorsa primavera e organizzato dalle associazioni Cerchi Concentrici, Associazione Mineraria Sarda, Associazione IC e Icagliari 2020. Cerchi Concentrici è nata da alcuni iglesienti desiderosi di fare qualcosa per la propria città, utilizzando la cultura con l'intento di diffondere la conoscenza e la consapevolezza dei luoghi e delle tradizioni che ci circondano. L'Associazione Mineraria Sarda, con i suoi 120 anni di storia, invece, non ha certo bisogno di presentazioni. Il contest voleva stimolare una riflessione su modelli di sviluppo sostenibile nel territorio del Sulcis Iglesiente, e partecipare era molto semplice: era sufficiente pubblicare una fotografia su instagram utilizzando come hashtag il già citato #unaminieradicreatività. Nella presentazione che ha preceduto l'inaugurazione della mostra, molto partecipata, si sono succeduti molti interventi, fra cui quelli dei rappresentanti delle associazioni organizzatrici e dell’APIMMG, in qualità di “padroni di casa”, e di alcuni ospiti come Anna Maria Landis, storica e conosciutissima Preside dell'Istituto Minerario di Iglesias per tanti anni, e tuttora molto attiva nella vita culturale cittadina a dispetto della sua non più giovanissima età.
Fra le tantissime foto partecipanti ne sono state selezionate 30, che sono "uscite dal mondo virtuale" e sono state esposte nella mostra di Iglesias. La scelta è stata affidata ad una piccola giuria composta da Alessandra Sulis, Angelo Loggia, Fabio Furia, Patrizia Piroddi e Stefano Ferrari, e le immagini scelte spaziano dalla religione allo sport, dall'archeologia industriale al turismo e alle tradizioni, tutte apprezzate dal pubblico presente. Su richiesta degli organizzatori, numerosi autori delle opere esposte hanno partecipato alla serata mettendosi a disposizione per spiegare le loro foto ai visitatori. Molto apprezzati anche il piccolo rinfresco offerto dagli organizzatori, basato esclusivamente su prodotti sardi, e le visite guidate dai volontari alla galleria didattica del Museo. Visto l'interesse generato dall'iniziativa, e la grande partecipazione di pubblico che ha portato alla decisione di prolungare di alcuni giorni l’apertura, l'intenzione degli organizzatori è quella di portare la mostra nelle altre città del territorio.

Francesco Mula

Sulcis Iglesiente Oggi