NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo
08
Thu, Dec
61 Nuovi articoli

Tempio. Seconda giornata del convegno su Informazione e Tutela dell'Ambiente organizzato dall'Ucsi e dall'Unaga in corso di svolgimento in Gallura.

Attualità Regionale
Aspetto
Condividi

"La strada obbligata per il futuro è quella di un'economia integrale, cioè di un'economia ambientale, economica e sociale, di un'economia culturale, un'ecologia della vita quotidiana che salvaguardi il bene comune e la giustizia tra le generazioni". Lo ha detto il Vescovo di Tempio-Ampurias Monsignor Sebastiano Sanguinetti intervenendo al convegno su Informazione e Tutela dell’Ambiente organizzato dall’Ucsi e dall'Unaga in collaborazione con la Fondazione Banco di Sardegna a due anni dall’alluvione del 2013.

Durante il convegno - che si è trasferito nell’Istituto Euromediterraneo dove è stato inaugurato l’anno accademico 2015-2016 dell’Istituto Superiore di Scienze Religiose della Diocesi di Tempio Ampurias - è stata più volte citata l'Enciclica Laudato Si con cui Papa Francesco ha lanciato a tutti, cristiani e non, l'appello ad unire le forze per farsi carico e tutelare la casa comune che ci è stata affidata.
"Non è solo un auspicio ma un'impegno - ha detto monsignor Sanguinetti citando Papa Bergoglio -: è una responsabilità cui non è possibile derogare. Cioè un modo più ampio di intendere l'ecologia, non parziale né miope, ma direi a 360 gradi. Un'ecologia integrale sarà possibile se si allargherà il dialogo e una fattiva collaborazione che coinvolgano i singoli cittadini le politiche nazionali e internazionali. Abbiamo bisogno - ha detto o citando le parole del Papa - di un confronto che ci unisca tutti perché la sfida ambientale che viviamo, le sue radici umane, ci riguardano e ci toccano tutti".

Dopo saluti del presidente dell’Istituto Euromediterraneo don Raimondo Satta, il sindaco di Tempio Andrea Biancareddu, ricordando i tragici eventi dell'alluvione del 2013 e dell'incendio di Curraggia del 1983, ha sottolineato quanto il territorio gallurese abbia a cuore le tematiche dell'ambiente e del corretto uso del suolo.

Il vice presidente emerito della Corte costituzionale Paolo Maddalena ha poi tenuto una lectio magistralis sui riflessi giuridici dell’Enciclica Laudato sì. Un documento che - ha spiegato - rappresenta un dono della Provvidenza nel momento eccezionale vissuto in questo periodo.

"Il mondo sta cadendo in un abisso", ha detto Maddalena, spiegando che "oggi la finanza e il governo stanno portando l'Italia verso una recessione senza precedenti nonostante politici e mezzi di informazione dominanti ci vogliano far credere il contrario. Le questioni giuridiche poste dalla Laudato Si - ha aggiunto il vice presidente emerito della Consulta - hanno una valenza fortemente giuridica e attuale. Le posizioni neoliberiste stanno infatti strangolando le economie favorendo la grande finanza e svendendo i territori a scapito dei cittadini, ma la voce di Papa Francesco, invisa proprio dalla grande finanza, ci dice che abbiamo il dovere di riprendere i territori e tutelare la loro funzione sociale".

Dopo il racconto del 18 novembre 2013, Il giorno dell’ira, fatto dal giornalista della Nuova Sardegna Piergiorgio Pinna, è stato proiettato un filmato realizzato dai giornalisti Nicola Pinna e Paolo Mastino, due dei 25 cronisti che si sono riuniti nell'associazione #18undici, nata per ricordare i tragici avvenimenti del novembre 2013.

I lavori sono continuati con gli interventi di Paolo Fois, docente di Diritto Comunitario all’Università di Sassari.
In serata sono previsti gli interventi di Mimmo Vita, giornalista esperto di agricoltura e presidente dell’Unaga (Unione Nazionale Associazioni Giornalisti Agricoltura Alimentazione Ambiente Territorio Foreste Pesca Energie Rinnovabili) e una relazione sull’incuria, lo spopolamento e l’abbandono del territorio sardo tenuta dal professor Angelo Aru, docente di Scienza della Terra all’Università di Cagliari. Prima del question time conclusivo, è previsto il contributo del giornalista Massimo Lavena, in rappresentanza del gruppo Resemina che sta sperimentando in Sardegna l’uso della pianta del Vetiver per la messa in sicurezza, la tutela e la bonifica del territorio.

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Iscriviti!! E' Gratis

Iscriviti attraverso il nostro servizio di abbonamento gratuito di posta elettronica per ricevere le notifiche quando sono disponibili nuove informazioni.
Pubblicità